2011, anno europeo contro lo spreco

Paolo De Castro, a Bruxelles, ha aperto i lavori della Conferenza 'Transforming Food Waste into a Resource' organizzata da Last Minute Market, spin-off dell’Università di Bologna, patrocinata dal Parlamento europeo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

De Castro.jpg

Paolo De Castro, presidente Commissione Agricoltura dell'Europarlamento

"Quella odierna è una giornata importantissima nell’ambito delle iniziative sul tema dello spreco alimentare. Una vera e propria giornata europea che vede riuniti deputati, rappresentanti della Commissione e di gruppi d’interesse per decidere un percorso comune di iniziative".

Così il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, a Bruxelles in apertura dei lavori della Conferenza “Transforming Food Waste into a Resource” organizzata da Last Minute Market, spin-off dell’Università di Bologna, e patrocinata dal Parlamento europeo. 

"Il Libro Nero sullo spreco alimentare a cura dell’Università di Bologna - ha dichiarato De Castro - stima che, in Italia, il 40% della frutta della verdura e della carne ogni giorno in Italia viene sprecata. E anche i dati degli altri Paesi confermano tale tendenza: in Gran Bretagna ogni anno 18 milioni di tonnellate di alimenti sono gettati via per un costo annuo di 10 miliardi di sterline; in Svezia in media ogni famiglia spreca il 25% del cibo acquistato. Nei 27 Paesi dell’Unione  si sprecano 179 kg di cibo pro capite all’anno. Recuperare una parte di questi alimenti avrebbe dei grandi benefici a livello ambientale e sociale. La dichiarazione congiunta che oggi vogliamo sottoscrivere – ha concluso De Castro - rappresenta solo l'inizio di un impegno che ci vedrà coinvolti per intraprendere un'azione comune volta a prevenire e ridurre a livello globale lo spreco di cibo e a lanciare quello che sarà, nel 2011, l’anno europeo contro lo spreco alimentare". 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.745 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner