'Gli animali sono essere senzienti'

Il benessere animale nel nuovo Trattato di Lisbona

Questo articolo è stato pubblicato oltre 13 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vacca-free-foto.jpg

Foto by FreeFoto.com

L'Unione europea ha compiuto in questi giorni un grande passo in avanti nella tutela dei diritti degli animali. E' stato sottoscritto a Lisbona un nuovo Trattato, intitolato 'Trattato sul funzionamento dell'Unione europea', firmato dai 27 Paesi dell'Ue, che riconosce giuridicamente gli animali come esseri senzienti e gli Stati nazionali dovranno tenere pienamente conto delle esigenze del loro benessere a partire dal 1° gennaio 2009. Il nuovo articolo 13 della parte II del Trattato, quello delle disposizioni di applicazione generale, che interessa i settori della ricerca, dell'agricoltura, della pesca, dello sviluppo tecnologico e dello spazio, sostituisce il meno impegnativo e non vincolante Protocollo sulla protezione e il benessere degli animali in vigore dal 1997 con il Trattato firmato ad Amsterdam.
In Italia, nonostante ciò che la tradizionale legislazione prevede riguardo alla considerazione giuridica degli animali, sotto la spinta di una popolazione sempre più attenta alle tematiche del benessere animale, negli ultimi anni anche la Corte di cassazione ha cambiato rotta. Infatti, la sentenza n. 46291 emessa lo scorso anno dalla Corte suprema è stata emblematica. Un signore di Lipari, accusato di aver dato un calcio al cane di una sua concittadina per farle un dispetto, è stato condannato a pagare cinque mila euro, anche se all'animale non è stata procurata alcuna lesione fisica. Secondo la Cassazione, per parlare di maltrattamenti agli animali 'non è necessario che agli stessi vengano procurate lesioni fisiche evidenti, ma è sufficiente che essi siano messi in condizione di soffrire'. L'imputato, concluse la Corte, 'incrudeliva contro il cane per futili motivi e la mancanza di ferite non giustifica la sofferenza di animali ritenuti esseri viventi, capaci di percepire con dolore comportamenti non ispirati a simpatia, compassione e umanità'. Già precedentemente c'erano state alcune sentenze, sempre da parte della Cassazione, che avevano introdotto il concetto di sofferenza in animali capaci di percepire dolore non solo fisico ma anche psichico.

Fonte: @nmvi Oggi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 259.110 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner