Cucurbitacee, la concimazione fattore chiave per raccolti eccellenti

Unimer mette a disposizione dell'orticoltore una vasta gamma di ammendanti, concimi organici e organo-minerali per soddisfare al meglio le particolari necessità che la coltivazione richiede

Info aziende
meloni-fonte-unimer.png

Meloni dell’Azienda Forconi Stefano (Venturina, Li) concimati con Microlife e Diablo S

Le cucurbitacee rivestono un'importanza notevole tra le coltivazioni orticole nazionali e rappresentano un'eccellenza della produzione italiana con importanti quantità destinate all'export.

In particolar modo per l'anguria e il melone, la qualità della produzione è il fattore chiave per ottenere un'adeguata redditività dalla coltivazione ed è molto influenzata dalla pratica della concimazione.
Le cucurbitacee hanno importanti esigenze idriche che devono essere soddisfatte per tutto il ciclo produttivo con la somministrazione di rilevanti volumi d'acqua ma, allo stesso tempo, soffrono i ristagni idrici che provocano arresti vegetativi e predispongono le piante all'attacco di pericolosi parassiti fungini tellurici che possono compromettere la buona riuscita della coltura.

Per questo motivo prediligono terreni strutturati, ben drenati, freschi e ricchi di sostanza organica con notevoli disponibilità di elementi nutritivi. Infatti le asportazioni di azoto, fosforo e potassio oltre che di calcio, magnesio e microelementi, tra cui spiccano ferro e boro, sono molto elevate.

Unimer mette a disposizione dell'orticoltore una vasta gamma di ammendanti, concimi organici e organo-minerali per soddisfare al meglio le particolari necessità che la coltivazione delle cucurbitacee richiede, a partire da Superstallatico, ammendante a base di letame bovino ed equino che subisce un trattamento di compostaggio industriale seguito da un lungo periodo di maturazione, in modo da ottenere un alto grado di umificazione della sostanza organica che risulta quindi particolarmente ricca di acidi umici, fulvici e umine in grado di migliorare le condizioni fisico-chimiche del suolo.

A Superstallatico si affianca Microlife che aggiunge all'elevata qualità del letame umificato, l'attività biostimolante dell'inoculo del consorzio di funghi e batteri della rizosfera,che migliora significativamente l'attività di contrasto a fenomeni di stanchezza del terreno della Sostanza Organica Umificata e, al contempo, stimola la crescita e l'efficienza dell'apparato radicale e migliora la disponibilità degli elementi nutritivi nel suolo, grazie alla maggior sintesi di enzimi e acidi organici.

Per le produzioni biologiche destinate a soddisfare le esigenze di particolari categorie di consumatori, può essere utilmente impiegato Green Power, ammendante prodotto a partire da matrici organiche di esclusiva provenienza vegetale, opportunamente compostate per ottenere l'alto grado di umificazione che caratterizza i prodotti Unimer.
 
Superstallatico, Microlife e Green Power

La Sostanza organica umificata rappresenta anche la base per la produzione della vasta gamma di concimi organo-minerali Unimer, in grado di garantire la protezione e il miglior rendimento degli elementi nutritivi minerali utilizzati nella loro formulazione, grazie all'azione degli acidi umici e fulvici.

Unimer consiglia l'impiego di Diablo S per la concimazione pre-trapianto delle cucurbitacee, concime organo-minerale ad alto titolo NPK (Ca-S) 9-12-18 (8-15) con calcio, zolfo, boro, ferro e zinco, in grado di soddisfare le notevoli esigenze nutritive di queste coltivazioni. Caratterizzato dall'elevata qualità delle materie prime utilizzate nella sua formulazione, offre un profilo nutrizionale particolarmente completo grazie al rilevante contenuto di:
  • azoto: elemento plastico per eccellenza, fondamentale per la sintesi proteica è necessario per ottenere un ottimale sviluppo della pianta con una regolare espansione dell'apparato fogliare per supportare la crescita dei frutti;
  • fosforo: elemento fondamentale per fornire l'energia necessaria allo svolgimento dei processi metabolici della pianta, influisce positivamente sulla crescita dell'apparato radicale e sulla fioritura e allegagione dei fiori;
  • potassio: presente nella più assimilabile e pregiata forma di potassio da solfato, regola la traspirazione della pianta ottimizzando lo sfruttamento delle risorse idriche e partecipa a numerosi processi enzimatici e metabolici che portano alla produzione di zuccheri e di pigmenti che influenzano le caratteristiche organolettiche dei frutti. La sua disponibilità è fondamentale per ottenere le produzioni di alta qualità richieste dal mercato;
  • calcio: componente principale delle membrane cellulari è particolarmente importante per ottenere frutti più consistenti e resistenti alla sovramaturazione e alla manipolazione effettuata durante le fasi di raccolta e trasporto. La sua carenza o difficoltà di assimilazione da parte della pianta, può favorire l'aborto di frutti anche in fase avanzata di sviluppo o la loro spaccatura durante le fasi precedenti la completa maturazione;
  • zolfo: al pari dell'azoto entra nella sintesi proteica e contribuisce al regolare sviluppo della pianta ed alle sue attività metaboliche;
  • boro: è un microelemento particolarmente importante per le cucurbitacee, migliora la fertilità del polline e di conseguenza l'allegagione dei frutti, inoltre entra nei meccanismi di sintesi e trasporto degli zuccheri sintetizzati verso gli organi di riserva della pianta e quindi la sua corretta disponibilità incide notevolmente sulla qualità della produzione ed in particolar modo sulla quantità di zuccheri presenti nei frutti (grado Brix);
  • ferro: elemento che partecipa alle reazioni enzimatiche che regolano la fotosintesi clorofilliana, è particolarmente importante per il metabolismo generale e migliora la colorazione della polpa dei frutti che rappresenta un altro parametro qualitativo importante nella produzione, in particolare di angurie e meloni oltre che di zucche;
  • zinco: microelemento che entra nella sintesi e regolazione di diverse sostanze ormonali vegetali è particolarmente importante per la regolare attività metabolica della pianta.

Naturalmente Unimer dispone anche di altri concimi per la coltivazione di cucurbitacee nei diversi ambienti pedologici, come ad esempio Le Mans S NPK (Mg-S) 8-5-12 (2-20) con boro e ferro, Victory S NPK (Mg-S) 4-8-16 (2-14) con boro e ferro o ancora Challenge S NPK (Mg-S) 5-12-12 (2-10) con zinco della linea Siapor e Unimax NPK (S) 9-6-12 (22) con boro e ferro della linea Avantage, tutti concimi organo-minerali a basso tenore di cloro.

In caso di condizioni pedologiche che necessitano di particolari somministrazioni di microelementi per sopperire a carenze più o meno evidenti, la concimazione di base può essere integrata con i prodotti della linea Microsol, utilizzabili anche in condizioni di coltivazione biologica. In particolare Microsol Ferromax, concime organico NP ad alto titolo di zolfo e di ferro protetto dalla Sostanza organica umificata da fenomeni di insolubilizzazione dovuti a sfavorevoli condizioni di pH o da squilibri chimici del suolo oppure Microsol Kompost, (Mg-S) (7-15) con boro, ferro, manganese e zinco, concime organico NP ad alto titolo di magnesio, zolfo e microelementi.

Per le produzioni sottoposte a regime di coltivazione biologica è disponibile Armony S NPK (Mg-S) 4-8-10 (2-8) oppure Bacchus S NPK (S) 3-6-14 (13) con ferro, concimi organo-minerali con potassio da solfato, affiancati da Endurance concime organico azotato,utile a soddisfare le importanti esigenze di questo elemento delle cucurbitacee.

Tutti i prodotti Unimer garantiscono la massima sicurezza in quanto sottoposti a processo di sanificazione in forno industriale con trattamento termico a 70° C per almeno un'ora in osservanza dei Reg. CE 1069/2009 e 142/2011 e successive modifiche ed integrazioni. Ciò permette anche di ottenere formulati con umidità sempre molto bassa e costante, che ne favorisce l'applicazione meccanizzata con le più comuni macchine spandiconcime, operazione facilitata dalla formulazione in minicubetti, compatti e di piccole dimensioni, che assicurano l'ottima scorrevolezza dei prodotti.

Fonte: Unimer

Tag: fertilizzanti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.700 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner