Effeeda®: chiesta l'autorizzazione europea per il nuovo erbicida

Certis Europe sta sviluppando per il mercato europeo l'erbicida Effeeda®, della giapponese Kumiai. Il nuovo erbicida presenta un innovativo meccanismo d'azione relativamente a riso e cereali

Contenuto promosso da Certis Europe
certis-effeeda-2021.jpg

Certis Europe sviluppa un nuovo erbicida

Partito il conto alla rovescia per Effeeda®, erbicida a base di fenquinotrione, la cui richiesta di autorizzazione è stata recentemente depositata a livello europeo. Nuovi meccanismi di azione si affacciano quindi in Europa per i diserbi di riso e cereali

Certis Europe B.V., insieme al suo azionista Kumiai chemical industry Co. Ltd., stanno infatti sviluppando da tempo l'erbicida per il mercato europeo, a circa due anni dalla firma dell'accordo in esclusiva. In tale lasso di tempo sono state raccolte le necessarie informazioni e prove sperimentali a fini registrativi. Ora si passa quindi la parola ai valutatori europei
 

Cosa è Effeeda®

Effeeda® è un erbicida dotato di una nuova modalità di azione per quanto riguarda i cereali a paglia e il riso, mostrandosi efficace nel controllo delle infestanti monocotiledoni e di alcune foglie strette.

Mark Waltham, ceo di Certis Europe, ha accolto con favore la notizia della presentazione e ha commentato: "L'esperienza di Certis e il nostro impegno per la protezione delle colture in Europa ha fornito la fiducia necessaria per fare un investimento importante in questo prodotto, insieme al nostro partner Kumiai. Effeeda® sarà il primo esempio di una nuova sostanza attiva sviluppata da Certis ed è la prova della nostra crescente presenza nel settore dei seminativi. La sua innovativa modalità di azione fornirà nuove opportunità per la gestione delle resistenze nei programmi di diserbo dei cereali e del riso per assicurare alti livelli di prestazione e di sicurezza agli agricoltori europei".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.103 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner