Irrigazione, Anbi chiede adesione a Copa-Cogeca

Francesco Vincenzi, presidente Anbi: "L'obiettivo è rafforzare il nostro impegno per un uso sempre più efficiente dell'acqua in agricoltura, compatibile con le esigenze ambientali"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

irrigazione-droni-progetto-acqua-campus-simona-caselli-fonte-anbi.jpg

L'annuncio della richiesta di adesione è avvenuto nel corso dell'inaugurazione del primo 'Acqua campus' italiano

"La nostra richiesta di adesione a Copa-Cogeca, la più importante organizzazione agricola europea, rafforzerà in sede comunitaria il nostro impegno a tutela e sviluppo dell'irrigazione, indispensabile per le produzioni di qualità, tipiche di Paesi mediterranei quali Italia, Spagna e Grecia".

Ad annunciarlo Francesco Vincenzi, presidente dell'Associazione nazionale dei consorzi di gestione e tutela del territorio rurale e delle acque irrigue (Anbi), in relazione all'inaugurazione del primo "Acqua campus" italiano, realizzato a Mezzolara di Budrio (Bo) dal Consorzio Cer - Canale emiliano romagnolo.

Si tratta di un laboratorio scientifico "a cielo aperto" dove si sperimentano innovative tecniche di gestione delle acque nelle campagne: dalla microirrigazione sotto suolo (Progetto Ripresa - Risparmio idrico mediante un preciso impiego dell'acqua) all'ausilio dei droni (Progetto Figaro) per l'analisi dell'umidità dei terreni.
Le canalette che attraversano i campi confluiscono poi in un'area di fitodepurazione (Progetto azienda agricola autodepurante), dove si verificano le potenzialità di canne, piante e batteri nell'abbattimento della presenza di sostanze nutrienti quali azoto e fosforo, residui delle pratiche agronomiche.

"Con questa struttura d'avanguardia, dove si sta completando anche un progetto di ricerca Water4Crops fra India e Italia - prosegue il presidente Anbi - confermiamo il nostro impegno per un uso efficiente dell'acqua in agricoltura, compatibile sempre di più con le esigenze ambientali.
Ciò porterà non solo un miglioramento della redditività delle imprese agricole, ma una crescita del Pil del settore primario, considerato che la disponibilità irrigua incrementa di circa dieci volte il valore di un terreno agricolo. E se consideriamo che già oggi l'84% del made in Italy agroalimentare dipende dalla disponibilità d'acqua, è facile comprendere le potenzialità di incremento nel bilancio di un'eccellenza italiana nel mondo"
.

Fonte: Anbi

Autore: G R

Tag: ambiente irrigazione acqua

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.192 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner