Fruit&Veg System, presentato l'osservatorio Foodchoice Forecast

A Veronafiere la prima edizione della rassegna sull'ortofrutta si è aperta con l'osservatorio sulle abitudini di consumo e acquisto. Il dipartimento di Economia dell'ateneo scaligero ha condotto un'analisi sul pomodoro

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

foodchoice-fruitveg-system-fonte-lorenzo-pelliconi-agronotizie.jpg

La presentazione dell'osservatorio Foodchoice al Fruit&Veg Systema a Veronafiere
Fonte foto: © Lorenzo Pelliconi - AgroNotizie

Nella giornata inaugurale di mercoledì 4 maggio, al Fruit&Veg System di Veronafiere è stato presentato Foodchoice Forecast, un osservatorio in grado di prevedere le esigenze dei consumatori in materia di ortofrutta sulla base dell’analisi delle abitudini di acquisto e consumo. Al centro dell’attenzione il consumo di pomodoro fresco, preso in analisi dal Dipartimento di Economia aziendale dell’Università di Verona, che ha condotto un’indagine sui mercati di Germania, Regno Unito, Norvegia e Russia, quattro mercati importanti sia attualmente che in prospettiva per il consumo di pomodoro, dove però l’Italia non riesce ancora a sfondare a causa della forte presenza di prodotto olandese e spagnolo.

L’export di pomodoro made in Italy nel 2015 si è attestato sui 101008 tonnellate – sottolinea Diego Begalli dell’Università di Verona – il 31% dell’export va in Germania, mentre l’11% in Regno Unito. Abbiamo però voluto analizzare anche Norvegia e Russia, che a nostro avviso potrebbero avere grandi potenzialità in futuro. In Russia c’è ancora il problema dell’embargo, ma in un’ottica futura di revisione delle sanzioni, questo mercato può essere molto interessante”.

Riccardo Scarpa, del dipartimento di Economia Aziendale dell’ateneo veronese, ha spiegato maggiormente nei dettagli l’analisi condotta sugli acquisti e consumi di pomodoro nei quattro mercati presi in esame. “Abbiamo studiato le abitudini tramite tanti fattori, dalle principali caratteristiche come varietà, colore, buccia e polpa, a quelle legate alla sostenibilità e al prezzo. Dalla ricerca si evince come il biologico sia sempre più apprezzato e i consumatori siano disposti a pagare di più se vengono rispettate qualità e sostenibilità. Detto questo, in termini di maggiore remunerazione, solo in Germania c’è un riscontro reale. In questi quattro mercati l’Italia è presente, ma con quote di mercato molto inferiori rispetto al prodotto olandese e spagnolo”.

Le opportunità per accrescere il nostro export in questi mercati ci sono tutte – ha ribadito Scarpa – Dobbiamo però fare maggiore marketing sul nostro prodotto e aprire nuovi canali di vendita. C’è voglia di prodotto italiano, ma spesso non arriva”.

Stefano Pezzo, presidente di Fruitimprese Veneto, ha invece spiegato la necessità del mondo delle imprese ortofrutticole a uniformare e rendere più chiaro il sistema di certificazioni. “Manca un’armonizzazione sulle certificazioni, le richieste del mercato ci dicono di perseguire la strada della sostenibilità. Per questo stiamo lavorando sul fronte degli standard qualitativi, sulle fonti di energia sostenibile, sulla valorizzazione della produzione integrata e sulla difesa dell’ambiente”.

Roberto Simonetto, direttore vendite di Carrefour Market, ha portato l’esperienza di Carrefour nella valorizzazione del biologico nel reparto fresco. “Nelle principali città italiane abbiamo inaugurato uno specifico cluster definito “Gourmet” – ha spiegato – dove l’ortofrutta è assolutamente di primaria importanza. Chi viene qui è sicuramente un cliente esigente, con una referenza di gamma medio-alta. Tutto ciò è stato possibile anche a un aumento delle competenze dei nostri collaboratori, che sanno raccontare ai clienti tutte le caratteristiche del prodotto. Siamo giunti ormai a un quarto di tutto il fatturato dell’ortofrutta, per questo aver spostato l’attenzione dal ‘quanto costa’ al ‘quanto vale’ è risultata essere una strategia vincente”.

Tornando sul tema delle certificazioni, ha poi trattato il tema Luigino Disegna di Csqa Certificazioni, fra i più importanti enti del settore a livello italiano. “E’ necessario passare a un sistema di certificazioni della produzione all’interno delle filiere, che sia in grado di coniugare contemporaneamente i requisiti legata alla sostenibilità ambientale, economica e sociale”.

Fra le tendenze in crescita nell’ortofrutta ci sono il biologico e la nutraceutica – ha infine sottolineato Maria Teresa Russo, docente di Chimica degli alimenti all’Università di Reggio Calabria – tutto questo si traduce nella ricerca di prodotti con caratteristiche nutrizionali, che esprimono specificità come la presenza di antiossidanti, vitamine e probiotici. Questi sono tutti aspetti per i quali i consumatori sono disposti anche a riconoscere un prezzo superiore”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.271 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner