Prezzo del latte, verso l'accordo in Lombardia

Appuntamento al 23 aprile per varare il nuovo sistema indicizzato

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

latte bottiglia - NickPiggot.jpg

Il prezzo del latte per la prossima campagna sarà agganciato ai parametri di mercato

Mercoledì 23 aprile 2008. Una data che potrebbe rivelarsi importante per gli allevatori di bovine da latte e per gli operatori della filiera lattiero casearia. Per quel giorno è infatti fissato l'incontro fra Assolatte e le organizzazioni professionali agricole della Lombardia per definire il prezzo del latte della campagna produttiva 2008/2009. Che contiene una novità importante, la possibilità di indicizzare il prezzo in funzione degli andamenti di mercato.

La commissione tecnica, formata da tre rappresentanti delle industrie e tre del mondo produttivo, è da giorni al lavoro per individuare il "paniere" di riferimento al quale agganciare il prezzo. Un compito non facile come ha dimostrato il precedente incontro fra le parti, che si è svolto a Milano il 15 aprile e che dopo una discussione durata sei ore è giunto ad un nulla di fatto, rimandando la decisione al 23 aprile.

Il compito della commissione tecnica non è facile. Si tratta da una parte di individuare i prodotti ai quali agganciare i parametri di costo, prevalentemente connessi all'alimentazione delle vacche. Mais e soia saranno tra le materie prime monitorate, ma occorre anche definire quali debbano essere i mercati di riferimento per la valutazione del prezzo. Si vorrebbe infatti evitare che eventuali fluttuazioni legate a manovre speculative sui mercati possano poi riverberarsi sul prezzo del latte, producendo oscillazioni importanti e repentine che porterebbero solo svantaggi. Altro elemento chiave del paniere è il prezzo dei formaggi, Grana Padano in particolare, uno dei prodotti caseari più importanti a livello nazionale e non solo in Lombardia, regione dove si produce il 40% di tutto il latte italiano.

In ogni caso, come è emerso dal tavolo degli incontri, si vorrebbe mantenere un limite all'oscillazione del prezzo, fermando l'asticella a non oltre 41 centesimi al litro. Qualche punto in meno rispetto agli ultimi accordi,  ma a preoccupare gli allevatori non è tanto il prezzo massimo quanto i movimenti verso il basso. Il mercato dei cereali vive una stagione di particolari tensioni, mentre il progressivo smantellamento delle quote potrebbe lasciare spazio ad un ridimensionamento del prezzo del latte a livello europeo.

Le difficoltà a stabilire i meccanismi di indicizzazione del prezzo del latte dipendono probabilmente anche da questi fattori. Non resta che aspettare il 23 aprile e attendere, se ci sarà, la "fumata bianca" per conoscere i criteri attorno ai quali ruoterà il nuovo prezzo del latte in Lombardia. E che farà da apripista per gli analoghi accordi nelle altre regioni.

 

Foto NickPiggot

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.350 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner