Kws MyControl: massimizza la qualità riducendo al minimo le micotossine

Grazie ad una ricerca è stata certificata la sanità degli ibridi di mais di ultima generazione

Contenuto promosso da KWS Italia S.p.A., Università degli Studi di Padova
Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mais-mycontrol-red-kws-gen-2018-fonte-kws-650.jpg

Keyannis, Keridos, Kelindos e Kebeos: ibridi di classe Fao 600/700

La presenza di micotossine nella granella di mais rappresenta un problema importante sia per la salute umana che per quella animale. Tra le principali micotossine riscontrate nel mais prodotto nella Pianura padana, quelle più presenti sono le fumonisine e deossinivalevolo (Don). Un alto contenuto di queste micotossine provoca perdite dal punto di vista qualitativo ed economico su tutta la filiera cerealicola.
Specialmente per l'alimentazione dei suini alti contenuti di fumonisine e Don creano molte difficoltà, provocando inappetenza, quindi incrementi minori con conseguenti maggiori costi di alimentazione e di medicinali.

Kws Italia, forte di un lavoro di ricerca e sperimentazione svolto in Italia da oltre cinquanta anni, è in grado di offrire ai suinicoltori italiani ibridi particolarmente tolleranti alle principali fusariatossine (Fumonisine, Don e Zearalenone).
Questa sanità è stata "certificata" da un progetto triennale, di screening e valutazione in campo, seguito direttamente da Roberto Causin del dipartimento di Fitopatologia dell'Università di Padova, il quale ha dimostrato che alcuni ibridi Kws di ultima generazione, presentano una sanità assoluta nei confronti del Don, ed alcuni anche una buona tolleranza alle fumonisine, rispetto ad altre genetiche anche tra le più coltivate in Italia.

I risultati di questa ricerca ci permettono di consigliare specialmente ai suinicoltori di seminare ibridi Kws, quali: Keyannis, Keridos, Kelindos e Kebeos, tutti ibridi di classe Fao 600/700 con potenzialità produttive altissime che potranno soddisfare sia l'agricoltore che li coltiverà, sia il suino che poi mangerà la granella.
 
Per saperne di più visita il sito di Kws o guarda il video su Youtube.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 244.683 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner