MycoApply® DR: aiuti naturali per le colture

Le micorrize del genere Glomus apportano diversi effetti positivi alle colture, rendendole più tolleranti verso gli stress biotici e abiotici

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

sumitomo-micoapply.jpg

Micoapply® DR distribuito da Sumitomo Chemical Italia

L’interesse crescente per l’impiego di inoculanti microbici in agricoltura è dovuto alle problematiche di perdita di fertilità biologica dei suoli, alla necessità di ridurre gli input di fertilizzanti chimici e all’incidenza delle avversità biotiche e abiotiche.

La scoperta delle micorrize e della loro interazione benefica con le radici delle piante coltivate risale alla metà del 1800 ma, solo in questi ultimi anni, con il graduale orientamento verso un’agricoltura sostenibile, sta crescendo l’attenzione nei confronti di questa simbiosi funghi-microrganismi-pianta e del suo utilizzo.

La simbiosi micorrizica permette di ottenere rese produttive e qualitative superiori in quanto incrementa l’assorbimento dei nutrienti in particolare fosforo e microelementi e genera una maggiore tolleranza della coltura a condizioni di stress idrico e ad altri tipi di stress abiotici (es. salinità, l’alcalinità, presenza di metalli pesanti). Inoltre, aumenta anche la tolleranza verso alcune fitopatie (es. funghi tellurici, nematodi) in quanto i tessuti radicali sono più suberificati e lignificati

MycoApply® DR è un  inoculo di funghi micorrizici in polvere bagnabile prodotto dalla della Mycorrhizal Applications, Inc., azienda americana acquista lo scorso lo scorso marzo 2015 da Valent BioSciences Corporation (VBC), divisione di Sumitomo Chemical. MycoApply® DR contiene quattro diverse specie di endomicorrize appartenenti al genere Glomus che, per le loro diverse caratteristiche, sono state selezionate sulla base di più di 500 studi scientifici, al fine di apportare i diversi benefici di ognuna.


Influenze sulle colture delle micorrize del genere Glomus
 

Dosi e modalità di applicazione

Applicare MycoApply® DR alla semina o al trapianto tramite immersione con una quantità d’acqua sufficiente per essere assorbita dall’apparato radicale. I risultati migliori si ottengono attraverso applicazioni con alti volumi di acqua al terreno umido seguiti da irrigazione.

Fertirrigazione:  170 g per 1.000 m2
  • Utilizzare filtri con almeno 40 maglie aventi un diametro > 0,5 mm
  • Iniziare l’irrigazione in modo da ripulire le tubature e inumidire il terreno
  • Applicare la soluzione entro 24 ore irrorando una quantità d’acqua sufficiente affinché si distribuisca nella rizosfera
  • Continuare l’irrigazione per ripulire il sistema di irrigazione e per favorire una migliore movimentazione del prodotto nella zona di terreno esplorata dalle radici della coltura

Immersione:
Una confezione da 500 g è sufficiente per trattare il seguente numero di piante:
  • Vaschette in semenzaio: circa  5.200 piante
  • Vasi/Contenitori : capacità 4L (circa 2.600 piante), capacità 8L (circa 1.730 piante) capacità da 13L a 44L (260 piante)
  
Il logo certificato MycoApply garantisce solo Micorrize di alta qualità dei più efficaci ceppi disponibili. I prodotti MycoApply a base di micorrize sono sostenuti tecnicamente e  scientificamente  supportati dalle industrie leader del settore, da più di 100 pubblicazioni e oltre 80.000 studi effettuati in tutto il mondo.

Scarica la brochure MycoApply DR

® marchio registrato Mycorrhizal Applications

Prima dell’uso leggere sempre l’etichetta e le informazioni sul prodotto. Si richiama l’attenzione sulle frasi e simboli di pericolo riportati in etichetta. È obbligatorio l’uso di idonei dispositivi di protezione individuale e di attrezzature di lavoro conformi (D. Lgs. 81/2008 e ss.mm.).

Tag: micorrize

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.793 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner