Orchidee in città: si può fare!

Le orchidee sbocciano a Faenza (Ra): un percorso cittadino con cartelli informativi per rendere le piante più visibili e riconoscibili grazie alle foto e ai nomi. A cura di Marco Valtieri, socio dell'Associazione Pubblici Giardini, e Gev Faenza

anacamptis-morio-fonte-gev-pubblici-giardini-20210505.jpg

Anacamptis morio
Fonte foto: Guardie ecologiche volontarie (Gev) di Faenza

A causa della fretta con la quale si eseguono le attività di sfalcio e manutenzione, capita di non accorgersi che, tra le varietà di fiori che si possono osservare nei nostri prati, sono presenti anche alcune specie di orchidee; fioriture straordinarie ed effimere che contribuiscono ad abbellire la nostra città, con forme e colori decisamente fuori dal comune, vista anche la rarità di alcune di esse.
E' evidente quindi che ci troviamo di fronte a un tesoro prezioso, non solo dal punto di vista visivo ma anche ecologico. Dunque come possiamo fare per valorizzare queste eccellenze floreali?
 
Ophrys Holoserica
Ophrys holosericea
(Fonte foto: Guardie ecologiche volontarie di Faenza)

 
Seguendo il modello di alcuni paesi nordeuropei, i giardinieri del Comune di Faenza hanno stabilito che, dove possibile, non si debba tagliare in maniera indiscriminata. Questo non solo in presenza delle orchidee, ma più in generale nel rispetto delle biodiversità.
A sostegno di tale scelta, è nato il progetto "Orchidee in città" in collaborazione con l'associazione Guardie ecologiche volontarie di Faenza (Gev).
L'iniziativa, che rientra nel progetto verde "Giardini fioriti", ha come finalità quella di far conoscere alla cittadinanza le diverse tipologie di orchidee presenti nelle aree verdi pubbliche del comune di Faenza.
 
Ophrys sphegodes
Ophrys sphegodes
(Fonte foto: Guardie ecologiche volontarie di Faenza)

Sul piano operativo, le Gev stanno redigendo, per il secondo anno consecutivo, un vero e proprio censimento e monitoraggio delle orchidee di specie spontanee, in ambito territoriale urbano.
Accanto alle fioriture rinvenute, sono stati posizionati dei cartelli informativi con foto e nome delle piante, in modo tale da renderle più visibili e riconoscibili. Si sta creando così un percorso cittadino, che può essere un'occasione in più, in questo particolare periodo, per rilassarsi e meravigliarsi ancora una volta.
 
Orchidee in città: accanto alle fioriture sono stati posizionati i cartelli informativi
Cartelli informativi con foto e nome delle piante per renderle più visibili e riconoscibili
(Fonte foto: Guardie ecologiche volontarie di Faenza)

Attualmente sono 17 le specie che sono state censite, ma se tutti avessero le giuste accortezze, i numeri potrebbero persino aumentare.
In tal senso è bene specificare che, anche in ambito di aree verdi private, è possibile imbattersi in specie rare; ma ciò può avvenire solo se si ha la pazienza di aspettare il naturale sviluppo delle fioriture. Diventa quindi fondamentale gestire correttamente gli sfalci: non facciamoci prendere dall'ansia di dover tagliare immediatamente l'erba, ma diamo tempo ai fiori di crescere.
  Infine, ricordando che le orchidee spontanee sono protette dalla legge regionale n 2 del 1977 e in attesa di una mappa interattiva, in corso di realizzazione, non ci resta che andarle a scoprire dal vivo.
Solo un'ultima, fondamentale, raccomandazione: "Guardare ma non toccare, solo ammirare!"
 
Marco Valtieri, Pubblici Giardini - Emilia-Romagna, e Gev Faenza

Footer Pubblici Giardini
Visita il sito - Scopri le Delegazioni regionali
Pagina Facebook - Gruppo Pubblici Giardini Facebook
info@pubblicigiardini.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.503 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner