Aiuti agli indigenti, stanziati 40 milioni di euro

Lotta alla povertà alimentare tra le priorità del Mipaaf: oltre all'anticipo sulla quota nazionale, aperto ieri un bando Agea per la fornitura di 12,5 milioni di euro di formaggi Dop agli enti di assistenza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

parmigiano-formaggio-fonte-maena-morguefile-archive-display-814410.jpg

Bando Agea per la fornitura di formaggi a Denominazione di origine protetta agli enti caritatevoli: si punta su varietà dell’assortimento ed il valore biologico e nutrizionale dei formaggi
Fonte foto: © Maena - Morguefile

"Fino al 2020 avremo a disposizione oltre 400 milioni e abbiamo deciso di anticipare il massimo della quota nazionale fin da subito con i primi 40 milioni di euro per gli aiuti alimentari. Con queste risorse riusciamo a supportare il lavoro degli Enti caritativi, messi in crisi dalla fine del precedente programma europeo di aiuti".

Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina, commenta gli ulteriori 40 milioni di euro a completamento dello stanziamento 2014, 80 milioni di euro nell’esercizio 2015 e 66 milioni di euro, salvo integrazione con cofinanziamento nazionale, per ciascun anno sino al 2020.

E' stato inoltre emanato ieri un bando di gara per la fornitura di 12,5 milioni di euro di formaggi Dop agli enti caritativi (Organizzazioni partner) che assistono gli indigenti.

Attivato dall'organismo pagatore Agea, su delega del ministero del Lavoro e con l’indirizzo del Mipaaf, si tratta di una procedura innovativa già sperimentata lo scorso anno, che tende a premiare la varietà dell’assortimento ed il valore biologico e nutrizionale dei formaggi, tutti comunque a Denominazione di origine protetta.

Questa gara si aggiunge a quelle già eseguite utilizzando il Fondo nazionale Indigenti istituito presso il Mipaaf per 8,4 milioni di euro di pasta e 1,1 milioni di euro di farina. Queste ultime hanno già portato all’aggiudicazione di forniture per 3.608 tonnellate di farina e 13.700 tonnellate di pasta, le cui consegne agli Enti caritativi stanno iniziando proprio in questi giorni.

Si tratta di un primo risultato che si completerà con l’attivazione di forniture per altri prodotti sempre destinati agli indigenti come ad esempio polpa di pomodoro, carne e minestrone in scatola e succhi di frutta, fino ad un impegno finanziario di 36,7 milioni di euro già resi disponibili su richiesta del Dicastero del Lavoro, che si aggiungono ai 9,5 milioni di euro del Fondo nazionale già impegnati.

Questo primo intervento di mercato sarà rafforzato non appena verrà approvato dalla Commissione europea il nuovo programma operativo finanziato dal Fead (Fondo aiuti europei agli indigenti) ai sensi del regolamento UE n. 223/2014, che ha sostituito il precedente programma di aiuti sostenuto con i fondi della politica agricola comune.

"Stiamo distribuendo in questi giorni più di 16mila tonnellate di pasta e farina e con il bando sui formaggi Dop abbiamo fatto un ulteriore passaggio per assistere i 4 milioni di italiani che soffrono di povertà alimentare - conclude Martina - È un tema sul quale continueremo a spingere anche a livello europeo, tanto da averlo messo tra i punti cardine della discussione sulla sicurezza alimentare dello scorso Consiglio informale dei ministri dell’Agricoltura dell’Ue a Milano”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.933 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner