Quando serve, azoto prezioso

Tutti i benefici della concimazione di copertura dei cereali, secondo Yara

Contenuto promosso da Yara Italia
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

yara-yarabela-20160308.jpg

I raccolti di giugno si preparano a fine inverno

Tra le fasi di accestimento e di primo nodo della coltura si pongono le basi per la formazione del numero di culmi/spighe, spighette e cariossidi. In altre parole, si pongono le basi per l'abbondanza del raccolto finale. Proprio in tal senso Yara promuove l'utilizzo di azoto nitrico, nutriente a effetto immediato, per dare alla pianta ciò di cui ha bisogno, quando essa lo richiede. La concimazione frazionata con YaraBela® SULFAN™ consente infatti di intervenire in modo mirato al momento opportuno, massimizzando la resa e la qualità finale della granella.

YaraBela® SULFAN™ consente di apportare azoto sia di utilizzo immediato sia per il medio-lungo periodo, oltre ai numerosi vantaggi di zolfo e calcio.

In fase di levata, peraltro, la pianta sviluppa al massimo il proprio apparato vegetativo e l’azoto di YaraBela® SULFAN™ garantisce energia e nutrimento, mentre lo zolfo pone le basi per la formazione delle proteine e il calcio garantisce una maggiore resistenza alle malattie e all'allettamento.
 

Non solo azoto

L'utilizzo di YaraVita® KOMBIPHOS™, a partire dallo stadio di due foglie fino alla comparsa della foglia bandiera, apporta energia e rinverdisce la pianta con fosforo e magnesio di qualità superiore, favorendo l'uscita dal periodo invernale e garantendo un ottimale sviluppo della coltura. Il prodotto contiene inoltre zinco e manganese che ottimizzano il metabolismo azotato migliorando il contenuto di proteine della granella.

Infine con il presentarsi della foglia bandiera una nutrizione oculata consente di raggiungere risultati eccellenti in termini di qualità, raggiungendo tenori proteici premianti. YaraBela® SULFAN™ si conferma il prodotto ideale per aumentare la qualità proteica.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.369 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner