TRA I BIOSTIMOLANTI SPUNTA VITACROP

Distribuito in esclusiva da Sariaf, il prodotto può essere impiegato su tutte le colture
Definito biostimolante fisionutrizionale, questo prodotto è un equilibratore biologico che stimola la pianta a svolgere e a ottimizzare le attività metaboliche dei vegetali senza forzarle

Questo articolo è stato pubblicato oltre 18 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Gowan Italia.

Vitacroppic.jpg
VitaCrop è un biostimolante composto da sostanze che derivano da processi di fermentazione. Si tratta di un formulato ricco di numerose sostanze come gli aminoacidi liberi, gli enzimi, le tracce di microelementi (biologicamente complessati dagli aminoacidi e da acidi organici) e i regolatori di crescita biologici.
Tutti questi elementi conferiscono a VitaCrop un’elevata attività stimolante, che favorisce una pronta assimilazione anche della parte minerale e promuove una migliore traslocazione dei nutrienti all’interno della pianta stessa.
Tra i vantaggi ottenuti con il suo impiego spicca l’uniformità di pezzatura in fascia medio-alta, senza dimenticare le migliori caratteristiche organolettiche e qualitative dei frutti.
Aumenta inoltre il colore del frutto, migliorano le caratteristiche qualitative come ad esempio l’acidità fissa del vino; la maturazione viene anticipata e le rese produttive incrementano.
Non solo, VitaCrop favorisce una migliore conservabilità dei prodotti, riduce la cascola e aumenta l’equilibrio biologico migliorando l’effetto allegante e la resistenza agli stress.
Infine si ottiene una graduale riduzione delle alternanze produttive e un massimo utilizzo delle sostanze nutritive.
VitaCrop va applicato nelle ore più fresche della giornata, avendo l’avvertenza di ridurre le dosi in ambiente protetto.
Una raccomandazione riguarda la vite da tavola cv “Diamante”, per la quale vanno effettuati dei saggi preliminari.

Per informazioni:Sariaf Spa – Faenza (RA) – tel. 0546/672111 – fax 0546/663950 e-mail: sariafspa@mbox.dinamica.it

Fonte: Agronotizie