Sitofex®, ottimizzare la tecnica applicativa su uva da tavola e kiwi

Distribuito da Agricola Internazionale, il prodotto è in grado di incrementare il numero e la dimensione delle cellule presenti con un conseguente incremento delle dimensioni del frutto mantenendone inalterate le caratteristiche tipiche

Contenuto promosso da Agricola Internazionale
sitofex-fonte-agricola-internazionale.png

Forchlorfenuron, è il principio attivo di Sitofex®

Forchlorfenuron, il principio attivo di Sitofex®, è una molecola ad azione citochininica che, agendo sulla fase di divisione cellulare, migliora la qualità ed uniforma la dimensione dei frutti trattati.

Applicato sul frutticino quando è ancora attiva la fase di divisione cellulare, Sitofex® è in grado di incrementare il numero e la dimensione delle cellule presenti con un conseguente incremento delle dimensioni del frutto mantenendone inalterate le caratteristiche tipiche.

Forchlorfenuron non ha attività sistemica ed è quindi indispensabile distribuire in modo uniforme il prodotto evitando ruscellamento o gocciolamento delle parti trattate. Sitofex® è impiegato con successo da anni in molti paesi del mondo.


Uva da tavola

L'applicazione di Sitofex® permette di ottenere dei grappoli con acini più grandi e buccia più consistente, con peduncoli più spessi e con ridotto distacco dell'acino dal peduncolo. Sia sulle varietà con semi che su quelle apirene il trattamento con Sitofex® deve essere effettuato dopo la completa cascola degli acini non allegati. Il volume di acqua consigliato per il trattamento è compreso tra 750 e 1000 l/ha evitando sempre di superare la concentrazione massima di 10ppm.

Al fine di garantire il conseguimento di risultati ottimali dall'applicazione di Sitofex® è sempre necessario adeguare il piano nutrizionale e l'irrigazione delle piante, bilanciando se necessario la carica produttiva e valutando sempre quelle che sono le caratteristiche della varietà.


Kiwi (a. deliciosa)

I frutti trattati con Sitofex® ben impollinati migliorano la pezzatura conservando una forma ideale. La crescita del frutto è dovuta principalmente ad un maggior accumulo di sostanza secca. Per questo motivo il frutto trattato cresce senza perdere le caratteristiche organolettiche e, soprattutto, in conservabilità. Al fine di ottenere il miglior risultato Sitofex® deve essere applicato tre settimane dopo la piena fioritura con il frutto della dimensione di una noce quando è ancora attiva la divisione cellulare. La dose raccomandata va da 0.8 a 1.3 l/ha di prodotto in 750-1000 l di acqua avendo cura di non superare la concentrazione di 10 ppm. Si consiglia di curare bene l'impollinazione e di regolare la dose di Sitofex® tenendo conto della forma di allevamento, del carico di frutti e dell'obiettivo produttivo.
Effettuare i trattamenti nelle ore serali.

 
Sitofex® - autorizzazione ministero della Salute n. 12828 del 2/10/2006) - è un prodotto sicuro, inserito nei disciplinari di produzione integrata di actinidia (a. deliciosa) ed uva da tavola.

Distributore per l'Italia
Agricola Internazionale Srl, via Bellatalla n. 50 - 56121 Pisa
Tel: +39050598703, il sito di Agricola Internazionale oppure via mail

Per maggiori informazioni potete rivolgervi al servizio di consulenza di AlzChem Trostberg GmbH:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.587 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner