Clima di fiducia, gli agricoltori vedono nero

L'indice Ismea che sintetizza il sentiment delle aziende agricole italiane segnala un peggioramento sia per la situazione corrente sia verso il futuro

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

azienda-agricola-desolata-rovina-byflickrcc20-stevenw82_Steven-Wisniewski-Robots_Rock.jpg

Aziende agricole in difficoltà, scende la fiducia nel presente e nelle prospettive future
Fonte foto: © Stevenw82 - Flickr

Valore negativo per l’indice Ismea del clima di fiducia delle aziende agricole italiane: -12,1 nell’ultimo trimestre del 2012, in flessione di quasi due punti sul trimestre precedente e di un punto su base annua.

Messo a punto nell'ambito di un tavolo tecnico internazionale coordinato dal Copa-Cogeca, l’indicatore sintetizza i giudizi espressi sulla situazione corrente degli affari e sulle attese circa la loro evoluzione di breve-medio periodo. I risultati sono stati diffusi oggi 7 marzo per la prima volta.

A determinare il calo di fiducia hanno contribuito entrambe le componenti dell’indicatore, quindi sia la situazione corrente che le prospettive.

Più in dettaglio si evince dalle opinioni dei 900 agricoltori e allevatori intervistati una generale insoddisfazione sul fronte della redditività conseguente a un calo della produzione in molti settori, all’inasprimento dei costi degli input produttivi e alla debolezza della domanda interna. Una condizione negativa, sottolinea l’Ismea, che non è stata adeguatamente compensata dalla tenuta dei prezzi agricoli all’origine.

In questo scenario si distinguono positivamente solo le aziende vitivinicole che si sono dichiarate più ottimiste in virtù di un andamento del mercato particolarmente remunerativo nell’ultimo anno. Al contrario il settore zootecnico, colpito dall’aggravio dei costi per l’alimentazione animale, e quello olivicolo, con un 12% in meno di produzione, presentano valori dell’indice di fiducia inferiori alla media, nonostante, almeno per l’olio, sia emerso un miglioramento delle fiducia rispetto al precedente trimestre, grazie al deciso recupero dei prezzi nell’ultima parte del 2012.

L’approfondimento trimestrale dedicato alla commercializzazione degli agrumi ha evidenziato uno scenario nel complesso sfavorevole per le imprese del settore, con fatturati in calo, a causa di una campagna produttiva negativa, e redditività compromessa anche da un innalzamento dei costi di produzione.

Dinamiche analoghe emergono dal focus sulla zootecnia da carne che, fatta eccezione per il settore suinicolo, ha accusato forti cali produttivi e di fatturato, nonostante l’aumento delle quotazioni. Sul fronte dei costi, il settore ha risentito, soprattutto nell’ultimo quarto dell’anno, dei rincari dei prodotti energetici e dei maggiori oneri legati all’approvvigionamento dei mangimi.

L’indagine è scaricabile dal sito dell'Ismea.
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.851 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner