Mele, Ambrosia™: partenza brillante e richiesta sostenuta

Marco Rivoira: "La produzione è stabile, complessivamente abbiamo a disposizione 24mila tonnellate di merce italiana"

ambrosia-fonte-vip.jpeg

Rivoira: 'La qualità è molto buona'

Assente dagli scaffali dallo scorso mese di aprile, a conclusione della precedente stagione, da tre settimane mela Ambrosia è tornata sul mercato europeo, con la lavorazione delle mele piemontesi del Gruppo Rivoira, cui si aggiungono in questi giorni quelle raccolte in Val Venosta.

"La produzione è stabile, complessivamente abbiamo a disposizione 24mila tonnellate di merce italiana - afferma Marco Rivoira -, il che ci permetterà di gestire con ordine la commercializzazione per il prossimo semestre. La qualità è molto buona. Il caldo della prima parte del mese di settembre ci aveva preoccupato, poi l'arrivo di correnti più fredde ha permesso la colorazione del prodotto, che soddisferà quindi clienti e consumatori. I calibri sono medio-grandi e ideali per soddisfare le aree mediterranee. La forte partenza della campagna in Italia e Spagna mi ha stupito, abbiamo lavorato infatti a pieno ritmo a fine settembre ma non abbiamo comunque potuto soddisfare tutta la richiesta: è stato davvero incredibile".

"Una partenza come quella di Ambrosia quest'anno - afferma Fabio Zanesco, direttore commerciale di Vip - conferma la ricerca da parte del consumatore di mele dolci e con posizionamento premium, che sappiano dare un'esperienza gustativa superiore. Per quanto ci riguarda, abbiamo lavorato le prime mele con ottimi risultati, e stiamo progressivamente partendo con le consegne per i diversi canali e clienti. Oltre a quanto ha detto Marco, per la merce lavorata a marchio Gold Rosé prevediamo una maggiore disponibilità, soprattutto per l'Italia, dove si è ormai consolidata la presenza di prodotto dolce e croccante, anche se con meno colore e a prezzi quindi più competitivi. Infine, anche Ambrosia™ Bio è in crescita ed è già disponibile, con una campagna che si estenderà fino a gennaio 2021".

Sono in corso di attivazione i programmi commerciali nei diversi paesi europei, quindi Germania e area scandinava oltre alla già citata Spagna, ed i primi volumi spediti verso l'Asia sono in viaggio. La lavorazione prosegue costante e quindi la disponibilità è garantita fino a marzo/aprile, a seconda di calibri e canali commerciali predefiniti. Certamente un aumento dei volumi in produzione è programmato per i prossimi anni, soprattutto a partire dal 2022-2023, quindi oggi si sta costruendo una base solida per l'ampliamento della platea dei punti vendita in cui i consumatori potranno acquistare Ambrosia.

Novità quest'anno dal punto di vista di marketing e comunicazione: è stato deciso di aumentare gli investimenti in direzione B2C (business-to-consumer) per coinvolgere direttamente i consumatori finali.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.575 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner