Vite, Dalmonte: "L'obiettivo è conservare il potenziale produttivo"

Il vicecoordinatore nazionale del settore viticolo per l'Alleanza delle Cooperative sottolinea l'importanza di preservare gli ettari già vitati. In primo piano la difesa dei vitigni nazionali a livello europeo

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

dalmonte-carlo-presidente-caviro.jpg

Carlo Dalmonte, presidente di Caviro e vicecoordinatore nazionale del settore viticolo per l'Alleanza delle Cooperative
Fonte foto: © Caviro

Dopo l'intervista a Ruenza Santandrea, AgroNotizie ha intervistato Carlo Dalmonte, presidente del Gruppo Caviro e vicecoordinatore nazionale del settore viticolo per l'Alleanza delle Cooperative. Il tema è il medesimo, ovvero le prospettive relative al nuovo sistema di autorizzazioni nel settore vitivinicolo, che ha mandato in pensione il vecchio regime dei diritti d'impianto. Il nuovo sistema prevede la possibilità di una crescita fino all'1% all'anno della superficie vitata nazionale. 

"Fare dei commenti, al momento, non è per niente semplice - spiega Dalmonte - in quanto i primi effetti del nuovo sistema si vedranno a regime alla fine di quest’anno e nei prossimi anni. Rispetto al punto di partenza, possiamo dire che la normativa è migliorata rispetto a quella che prevedeva la più totale liberalizzazione dei vigneti. Fino al 31 dicembre 2015 abbiamo registrato una notevole corsa ai diritti, e una migrazione da alcuni territori ad altri, con un conseguente impoverimento, a livello viticolo, di alcune aree".

"L’obiettivo innanzitutto è in primo luogo il mantenimento degli ettari attuali, senza alcuna perdita di potenziale vitivinicolo. Questo deve essere il primo risultato da conseguire e poi, eventualmente crescere in ettari.
Credo sarà impossibile che ogni anno la percentuale dell’1% di crescita verrà utilizzata, al momento non ci sono le condizioni".


Dalmonte ribadisce poi la posizione della cooperazione nei prossimi anni. “La cooperazione ha certamente un ruolo di primo piano e di guida all’interno di questo nuovo sistema di autorizzazioni, dal momento che costituisce la maggior parte della produzione e della commercializzazione di vino a livello nazionale”.

"L’altra battaglia nel quale siamo fortemente impegnati ora si gioca a livello europeo ed è quella contro la liberalizzazione della denominazione dei vigneti - conclude Dalmonte - ciò che la Commissione europea sembra voler mettere in atto rappresenta un rischio molto forte per il nostro sistema vitivinicolo, in quanto va contro le nostre principali denominazioni, che con la riforma potrebbero così essere utilizzati da altri paesi europei. E’ un rischio che dobbiamo assolutamente scongiurare. Come cooperazione faremo le barricate per evitare che venga approvata una normativa del genere”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino viticoltura azienda agricola vitivinicoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.011 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner