Tra architettura, viticoltura e arte contemporanea

Una conversazione culturale sul valore del paesaggio e una degustazione di vini tappati con chiusure differenti. Appuntamento con le Donne della Vite il prossimo 4 settembre a Maser (Tv)

vite-vigneto-vitivinicoltura-by-m-rosenwirth-fotolia-750.jpeg

Paesaggio: entità complessa che si compone non solo di elementi concreti, ma anche di cultura, storia, tradizione e uomini
Fonte foto: © M.Rosenwirth - Fotolia

Il valore del paesaggio viticolo nel suo significato ampio di conservazione dell'ecosistema naturale e sociale e quale elemento di valorizzazione delle produzioni vitivinicole.
E' questo un tema caro alle Donne della Vite e un tema centrale per la mostra d'arte contemporanea Casa di vita/Armonia del tempo allestita nella palladiana Villa Barbaro di Maser patrimonio Unesco, che hanno deciso di sostenere.

Tra gli obiettivi della mostra, in programma dal 15 giugno al 15 settembre a Maser, Treviso, gli organizzatori sottolineano "la valorizzazione della Villa e del suo legame con il territorio, l'attività agricola che rappresenta il ruolo di custode del paesaggio da oltre cinquecento anni, il modellarne le linee con i vigneti, ormai diventate un'icona del dolce paesaggio veneto".

Nel pomeriggio del prossimo 4 settembre Villa Barbaro ospiterà un evento targato Donne della Vite. Alla visita guidata della mostra d'arte contemporanea allestita nel parco e all'interno della Villa di Maser e degli spazi privati, aperti in via eccezionale, seguirà una conversazione sul valore del paesaggio, entità complessa che si compone non solo di elementi concreti, ma anche di cultura, storia, tradizione e uomini: elementi che si fondono in un'azione e in un risultato finale molto composito.

"Il valore del paesaggio tra architettura e viticoltura". E' questo il nome della conversazione a cui parteciperanno Maria Grazia Eccheli, professore ordinario del dipartimento di Architettura (Dida) dell'Università di Firenze, Gianni Moriani, docente del master in Filosofia del cibo e del vino presso l'Università San Raffaele di Milano e Diego Tomasi, ricercatore del Crea-Ve, Centro di ricerca viticoltura e enologia di Conegliano, che sulla relazione tra viticoltura e paesaggio ha condotto diverse ricerche compresa quella in collaborazione con le Donne della Vite a Vinitaly 2016.

L'evento si concluderà con una degustazione informale e curiosa per apprezzare l'effetto di diverse chiusure sullo stesso vino a cura di Vinventions.


Il programma in pillole

17:45 - ritrovo dei partecipanti
18:00-19:00 - visita guidata alla mostra Casa di vita/Armonia del tempo e a Villa Barbaro, inclusi gli spazi privati non aperti al pubblico, a cura rispettivamente di Giovanna Poggi Marchesi, coordinatrice della mostra, e di Bojana Balic, guida autorizzata della provincia
19:10-19:50 - conversazione "Il valore del paesaggio tra architettura e viticoltura"
20:00 - "Di tappo in tappo: le sfumature nel vino" - degustazione informale a cura di Vinventions
20.30 - per chi volesse è prevista una cena presso l'Osteria Dè Gusto di Villa Maser. È necessaria la prenotazione contestualmente all'adesione all'evento.


Iscrizione e quote di partecipazione

L'iscrizione e il versamento della quota di partecipazione (20 euro per i non soci, gratuito per i soci) possono essere effettuati in questa pagina dedicata entro e non oltre domenica primo settembre 2019. L'evento è a numero chiuso.

Per maggiori informazioni: 3477350851 o info@donnedellavite.com

Image Line rinnova il sostegno all'Associazione Donne della Vite

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.188 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner