Sud, le clementine perdono oltre il 40% del valore medio

Prezzi a -44% su base annua nella scorsa settimana a causa della scarsa qualità e dell'alto coefficiente di scarto. E le ultime piogge rovinano anche le varietà tardive. Confagricoltura chiede un intervento immediato del Governo

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

clementine-fonte-confagricoltura-20210120.jpeg

Il marciume e i funghi hanno decimato la produzione, che era già di bassa qualità - calibro medio e piccolo - a causa della siccità estiva
Fonte foto: Confagricoltura

Si aggravano le difficoltà del comparto agrumario, fiore all'occhiello dell'agricoltura italiana, per la perdurante crisi delle clementine che ormai hanno raggiunto perdite in ragione di oltre il 40% del valore medio di mercato degli ultimi anni, tra prodotto invendibile e deprezzatoRegione Calabria ha già dichiarato lo stato di crisi e Confagricoltura - che stima una perdita del valore della produzione che supera i 70 milioni di euro su un valore medio di oltre 170 milioni - chiede al Governo di attivare subito un intervento straordinario, mentre anche la Regione Basilicata potrebbe chiedere lo stato di crisi a breve. E' questo il drammatico bilancio tracciato dall'organizzazione agricola per la campagna di commercializzazione dell'agrume - di cui la Calabria è il primo produttore nazionale - che terminerà con le varietà tardive a fine febbraio.

Prima la siccità estiva ha favorito la crescita di esperidi di piccolo e medio calibro, poi le alte temperature di ottobre e novembre hanno penalizzato i consumi. Le piogge di fine novembre hanno compromesso la durata delle clementine, portando a una percentuale di scarti che ha toccato il 50-60% dei frutti. Soltanto nell'ultima settimana il prezzo medio è calato del 44% rispetto a quello dell'anno precedente.

La preoccupazione per la tenuta del comparto è forte. "Le piogge persistenti e l'elevata umidità delle ultime settimane - sottolinea Confagricoltura - hanno continuato a compromettere qualità e conservazione dei frutti, favorendo lo sviluppo di marciumi, pregiudicando anche l'ultima fase della campagna, quella della commercializzazione di varietà tardive. Ma non solo: la crisi che ha investito le clementine si ripercuote su tutti gli agrumi".

Confagricoltura è prontamente intervenuta per evidenziare alle istituzioni la profonda crisi del settore. La situazione richiede di mettere in campo, con rapidità, specifiche misure nazionali. Le gravi difficoltà delle imprese hanno spinto la Regione Calabria a deliberare lo stato di crisi del comparto, attivando le procedure per interventi straordinari di sostegno per le aziende: "Seguirà la Basilicata su istanza proprio dell'Organizzazione degli imprenditori all'ultimo tavolo verde" annuncia Confagricoltura.

Per Confagricoltura occorre attivare subito un intervento straordinario analogo a quello concesso per le produzioni ortive di IV gamma e I gamma evoluta. Così come servono sgravi contributivi e previdenziali per il semestre gennaio-giugno 2021, sulla falsariga del provvedimento adottato con il decreto legge Rilancio.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Confagricoltura

Autore:

Tag: agrumi prezzi mercati maltempo siccità

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.717 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner