Martina: "Puntare sull'etichettatura per difendere il made in Italy"

Il ministro delle Politiche agricole, a Bari per la manifestazione di Coldiretti, ha sottolineato l'importanza di tessere alleanze nell'Ue su questo dossier strategico per la difesa degli interessi nazionali

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

coldiretti-protesta-puglia-mar-2016.jpg

Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti: 'L'agricoltura italiana è da difendere perché rischia di scomparire a causa di una crisi senza precedenti'
Fonte foto: © Coldiretti

Manifestazione della Coldiretti questa mattina a Bari per tentare di combattere la crisi dei prezzi che ha colpito duramente negli ultimi mesi l'agricoltura italiana e meridionale, difendendola dalle produzioni straniere e incrementando la qualità e la promozione del made in Italy.
 
Il tema proposto, rilanciato anche dall’intevento del ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina, è quello della "battaglia dell'etichettatura d'origine": imprenditori del settore e lavoratori (si stimano circa 4mila persone), oggi, 23 marzo 2016, si sono dati appuntamento al Teatro Team di Bari, per la manifestazione in difesa dell'agricoltura nazionale promossa da Coldiretti.
 
Decine i trattori che hanno attraversato la tangenziale e il quartiere Japigia per giungere nella zona del teatro, dove sono stati allestiti stand, palchi e una grande tavolata con olio, formaggi, vino, verdure e vongole, prodotti su cui spesso la Ue, secondo Coldiretti, "apre alle importazioni low cost che mettono in ginocchio i produttori italiani".
All'evento hanno partecipato, oltre al presidente di Coldiretti Roberto Moncalvo e a Maurizio Martina, i governatori della Puglia, Michele Emiliano e della Basilicata, Marcello Pittella.  
 
Martina ha sottolineato l'impegno del Governo a tutela del made in Italy: "Dobbiamo portare il tema delle etichettature - ha dichiarato - fuori dagli ambiti che hanno già riconosciuto questo sforzo, cercando delle alleanze. La Francia ha aperto e riconosciuto questa battaglia italiana e dobbiamo fare tutti insieme un passo avanti; penso all'agroalimentare nel suo complesso e i soggetti fondamentali della filiera ci devono essere tutti. Non abbiamo paura dei controlli. Più il sistema dei controlli è forte, più siamo competitivi, semplici sulle imprese, durissimi e intransigenti nei controlli" ha poi concluso il ministro. 
 
"L'agricoltura italiana - ha invece dichiarato il presidente di Coldiretti - è da difendere, perché rischia di scomparire a causa di una crisi senza precedenti, che comprende crolli dei prezzi al di sotto dei costi di produzione in settori chiave del made in Italy e per questo motivo molti agricoltori sono giunti qui a Bari".
I dati diffusi sono allarmanti: "L'anticipo dei calendari di maturazione, - afferma Coldiretti in una nota stampa - l'accavallamento dei raccolti, varietà tardive diventate precoci con eccesso di offerta prima e crollo della disponibilità poi, sono solo alcuni degli effetti dell'andamento climatico anomalo sulle coltivazioni che subiscono anche la pressione delle importazioni, determinate da accordi agevolati".
La conseguenza è il crollo dei prezzi "dal -43% dei pomodori al -27% per il grano duro fino al -30% per le arance rispetto all'anno scorso".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.438 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner