Rotoimballatrice, rischi e istruzioni per l'uso

Sicurezza sul lavoro - Utilizzata nell'azienda zootecnica per la raccolta di foraggio, paglia, stocchi e vegetali per la nutrizione degli animali

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

rotomballatrice.jpg

Sicurezza sul lavoro. foto archivio Deutz

La rotoimballatrice è una macchina utilizzata nell’azienda zootecnica per la raccolta di foraggio, paglia, stocchi e altri vegetali indispensabili per la nutrizione degli animali. La macchina operatrice forma delle balle di forma cilindrica.

La rotoimballatrice è costituita da un raccoglitore che convoglia il foraggio all'interno della macchina, dove un sistema meccanico provvede alla formazione della balla. La balla continua ad ingrandirsi sino a quando l'operatore, grazie a uno strumento indicatore sulla macchina visibile dalla trattrice (oppure mediante un avvisatore acustico) stabilisce che questa è sufficientemente pressata. Per la sua funzione può anche comunemente chiamarsi rotopressa.

Le rotoimballatrici sono essenzialmente di due tipologie:
· a camera variabile: possono essere a cinghie, a catenaria oppure miste. Le balle prodotte sono a cuore duro.
· a camera fissa: possono essere a cinghie, catenarie oppure miste. Le balle prodotte sono a cuore tenero.
La rotoimballatrice a balle cilindriche è trainata dalla trattrice ed azionata dalla presa di
potenza. Alcune rotoimballatrici devono essere fermate manualmente per azionare la legatura, mentre in altre l'operazione avviene automaticamente. Al termine della legatura viene effettuato lo scarico attraverso l'apertura del portellone posteriore.

I comandi di azionamento del raccoglitore, della legatura e dell'apertura del portellone sono
generalmente dati da un distributore idraulico o da un telecomando, posto in prossimità della
postazione di guida, ma possono anche essere di tipo automatico o elettronico.

I principali rischi connessi all’uso della rotoimballatrice sono legati all’accesso alla bocca di alimentazione e al contatto con il raccoglitore; al contatto con la catenaria; al contatto con gli organi di trasmissione del moto; alle operazioni di manutenzione all'interno della camera di raccolta, durante le queli può avvenire la chiusura accidentale del portellone in caso di rottura di un componente del sistema idraulico; all’afferramento, trascinamento, avvolgimento a causa della protezione incompleta
dell’albero cardanico.

Anche la macchina ferma può costituire un potenziale pericolo, nel caso in cui i punti di appoggio e di bloccaggio non siano adeguati: il rischio è lo spostamento accidentale del mezzo.
Prima di azionare la rotoimballatrice, è necessario che tutti gli organi di trasmissione (pulegge, cinghie) siano protetti con carter conformi ai requisiti richiesti. E' inoltre opportuno che la macchina sia dotata di un dispositivo meccanico di blocco - in una zona immediatamente accessibile - da inserire a portellone aperto.
E' importante seguire tutte le indicazioni dei pittogrammi applicati sui meccanismi del mezzo, oltre che le istruzioni riportate sul libretto di uso e manutenzione.

Incidente con rotoimballatrice. Descrizione della dinamica
L'infortunato si trovava in un campo agricolo intento alla legatura delle balle di fieno con apposita macchina rotoimballatrice. Dopo essere caduto a causa del mal funzionamento del sistema di legatura della macchina, ha cercato di imboccare manualmente il filo per la legatura delle balle con la macchina in moto. Per eseguire questa operazione si è arrotolato il filo sul braccio e quindi ha cercato di imboccarlo, ma non appena il filo è stato catturato, anche il braccio è stato trascinato all'interno ed è rimasto schiacciato tra il carter della macchina e la balla in legatura provocando la morte dell'infortunato.
 

CHECK LIST CON SANZIONI

Macchine o attrezzature

Requisiti da controllare

Punto di violazione

Articolo

Articolo di sanzione

Sanzione

MACCHINE ROTOIMBALLATRICI

Il pick up e gli organi di alimentazione che possono essere soggetti ad ingolfamenti, sono dotati di dispositivi in grado di eliminare i pericoli collegati alla rimozione degli ingolfamenti?

Se macchina è CE

 

 

Se macchina non CE 6.2 allegato V° parte I

Art. 70 comma 1

 

 

Art. 71 comma 1

Art. 87 comma 2 lettera a)

 

 

Art.87 comma 2 lettera c)

Arresto da tre a sei mesi o ammenda

da € 2.500 a € 6.400.

 

 

Arresto da tre a sei mesi o ammenda

da € 2.500 a € 6.400

  

Rubrica dedicata alla sicurezza sul lavoro in agricolturaAlfonso Germinario

Sicurezza sul lavoro in agricoltura

Per informazioni scrivere a:

alfonso.germinario@agronotizie.it

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.897 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner