L'agricoltura di precisione sfila a Verona

Fieragricola (7/10 febbraio 2008). Organizzazione a cura diInformatore Agrario e MAD-Macchine Agricole Domani, in collaborazione con Veronafiere

Questo articolo è stato pubblicato oltre 13 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fieragricola home.jpg

Agricoltura di precisione

John Deere, Arag, Geotop, Isagri, Pessl, Spekktra Agri, Campana Fabio, Technofarming, Veneto Agricoltura. E' questa la 'formazione' che scenderà in campo a Verona, per il Salone dell’agricoltura di precisione, in programma in concomitanza con Fieragricola 2008 (7-10 febbraio). Ad organizzare l’evento, in collaborazione con Veronafiere, le riviste specializzate Informatore Agrario e da MAD (Macchine Agricole Domani), che hanno al proprio attivo tre edizioni della "Giornata dimostrativa dell’agricoltura di precisione".
 
Un appuntamento innovativo, che prende spunto dal trend di sviluppo e di crescita dell’agricoltura di precisione anche in Italia. Secondo le elaborazioni di Matteo Bertocco, agronomo che fin dalla prima edizione è uno degli organizzatori delle giornate dimostrative di Caorle, "fatta eccezione per i sistemi di guida assistita, che hanno già ottenuto intorno al 2000 dei buoni risultati, la richiesta e la diffusione di strumentazioni e tecnologie per l’agricoltura di precisione sta crescendo e nel giro dei prossimi 3-5 anni aumenterà ancora".
Alla base di questo rinato interesse verso la precision farming devono essere ritenuti responsabili alcune necessità immanenti all’agricoltura, in termini legislativi ed economici: il rispetto dell’ecocondizionalità, il corretto utilizzo degli agrofarmaci, il miglioramento della produttività bilanciato dalla necessità di contenere i costi produttivi, l’applicazione della Direttiva nitrati e il rispetto di vincoli sullo spandimento di effluenti zootecnici.
"La comparsa dei sistemi per l’agricoltura di precisione – racconta Bertocco – avviene in Italia tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta, sulla scia della diffusione di un fenomeno già sviluppato negli Stati Uniti". Ad attrarre i primi pionieri delle nuove tecnologie sono inizialmente la guida assistita e in misura inferiore i ricevitori satellitari di posizionamento (con un margine di indicazione non sempre preciso) e i sistemi di mappatura delle produzioni. Queste due ultime tecnologie, tuttavia, intorno alla metà degli anni Novanta subiscono una battuta d’arresto.

"Lentamente il mercato riprende quota a partire dal 2000 – prosegue Bertocco – con un’impennata dei sistemi di guida assistita e con una timida diffusione di nuove strumentazioni, come la guida semi-automatica, i sistemi di gestione aziendali, gli attuatori informatici di dosaggio variabile nella distribuzione di agrofarmaci e sementi".
Le prospettive per il futuro sono assolutamente incoraggianti. "Si prevede un interesse sempre maggiore per l’agricoltura di precisione – garantisce Bertocco – sia per i sistemi di geo-posizionamento in campo che della guida semi-automatica (che già si sta imponendo sulla guida assistita), ma anche la mappatura delle produzioni, le apparecchiature per il dosaggio variabile, i sistemi di acquisizione ed elaborazione dei dati".
 
In Fieragricola i riflettori saranno puntati sulle apparecchiature già in produzione dalle case specializzate. Nel padiglione 6 si potranno così trovare computer palmari, sistemi di rilevamento satellitare, di navigazione con barra di guida, guida assistita e guida semi-automatica, strumenti di agevolazione delle manovre sulle voltate, ma anche tecnologie per la raccolta dei dati, dalla mappatura delle produzioni e della loro qualità applicate sulle mietitrebbie e sulle trinciacaricatrici, al campionamento automatico delle proprietà del suolo e delle acque, passando per la raccolta dati climatici, lo scouting sulla coltura, i sistemi di telerilevamento.
All’esterno, l’intera Area B sarà attrezzata per provare le macchine e conoscere le nuove tecnologie. Secondo la filosofia di Fieragricola 2008: nuove tecnologie, dinamicità, coinvolgimento diretto delle aziende espositrici e dei visitatori.

Fonte: VeronaFiere

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 253.668 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner