Xylella, più ricerca e più prevenzione per batterla

Secondo Coldiretti è necessario mettere a frutto i 20 milioni del Piano di rigenerazione per trovare soluzioni nuove in area infetta. Confagricoltura sulla prevenzione coinvolge la Marina militare, proprietaria di molte aree incolte

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

pistacchi-albero-di-pistacchio-by-okssi-fotolia-750x500.jpeg

In fotografia una pianta di pistacchio, nuova arrivata nella schiera di piante ospiti del batterio (Foto di archivio)
Fonte foto: © Okssi - Fotolia

L'epidemia di Xylella fastidiosa che sta devastando l'olivicoltura della Puglia pone due problemi di fondo. Come ricostruire un'economia agricola degna di questo nome lì dove il batterio ha già distrutto tutto o quasi tutto: esercizio non facile, perché porta su terreni inesplorati o solo parzialmente conosciuti da parte della scienza. E poi, come fare per potenziare l'unico modo che si ha per fermarla: la pulizia nei tempi stabiliti di tutte le aree di campagna dalle erbe infestanti, che fanno da nursery per le future generazioni di cicalina sputacchina, l'insetto vettore del batterio, temuto quanto e più della stessa infezione perché in grado di cagionarla. Su tanto si esercitano negli ultimi giorni le organizzazioni agricole della Puglia: Coldiretti chiede di investire di più e velocemente nella ricerca per studiare meglio quali alternative possano esserci all'olivo in area infetta, lì dove non si esercitano più attività di contenimento. Confagricoltura invece sollecita la Marina militare, proprietaria a vario titolo di molti fondi rustici in provincia di Taranto, a fare pulizia nei campi dove è ancora possibile fermare il batterio.
 

Coldiretti, investire nella ricerca

Il pistacchio rientra tra le specie ospiti di Xylella fastidiosa in Puglia: lo comunicano le Autorità fitosanitarie europee e nazionali. Notizia ripresa da Coldiretti Puglia che dall'inclusione del pistacchio (Pistacia vera ) tra le 35 specie ospiti del ceppo salentino di Xylella fastidiosa ST53 trova il destro per ricordare che sono ancora fermi i denari destinati alla ricerca sulla batteriosi che ha decimato gli olivi del Salento.

"È determinante sbloccare le risorse destinate alla ricerca dal Piano per la rigenerazione olivicola, i 20 milioni di euro da destinare agli studi scientifici e alla sperimentazione per ricostruire al meglio il patrimonio produttivo e paesaggistico del 40% della regione colpita dalla Xylella", afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Il ritrovamento di piante di pistacchio positive alle analisi nell'ambito delle sperimentazioni in corso presso l'Università di Lecce - riferisce Coldiretti Puglia - è stato confermato dalle analisi molecolari nonché dall'isolamento in coltura pura e dall'identificazione del ceppo ST53, condotti presso l'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr di Bari.

Del resto sono proprio le indagini diagnostiche sulle piante delle varietà di ciliegio dolce e mandorlo selezionate, a seguito dell'esposizione sia all'inoculo artificiale sia ad adulti di sputacchina con elevata incidenza di infezioni di Xylella fastidiosa - rileva Coldiretti Puglia sulla scorta dello studio scientifico dell'Ipsp del Cnr di Bari - ad essere determinanti per dimostrare che la presenza del batterio risulta in media inferiore all'11% su mandorli e ciliegi. Questo dato confrontato con quanto ottenuto nelle tesi con piante di olivo, con la media di piante infette del 74,43%, indica una percentuale significativamente più bassa di infezione di mandorlo e ciliegio.

È questo solo un esempio della diversificazione produttiva cui si può giungere in area infetta con il contributo della ricerca - questo il ragionamento di Coldiretti - dove ad una efficace ricostruzione del patrimonio produttivo possono ben anche contribuire le due varietà resistenti di ulivo Leccino e FS17.
 

Confagricoltura e Marina militare per fermare il batterio

Lo scorso 9 giugno, il presidente di Confagricoltura Puglia Luca Lazzàro ha incontrato l'ammiraglio Salvatore Vitiello, comandante del Comando marittimo Sud. Al centro dell'incontro il tema della Xylella fastidiosa e della sua veloce propagazione, fenomeno quest'ultimo che si può arginare con la prevenzione. "Nell'ammiraglio Salvatore Vitiello ho trovato piena disponibilità e grande attenzione al territorio. Due aspetti che confermano quanto la Marina militare sia parte integrante della realtà ionica" ha detto al termine dell'incontro il presidente di Confagricoltura Puglia e Confagricoltura Taranto Luca Lazzàro.

"Nella battaglia alla Xylella è importantissimo che anche nelle aree di proprietà di enti pubblici o forze armate siano svolte buone pratiche di pulizia del terreno per evitare che il contagio si propaghi. Di recente, la nostra Organizzazione ha ricevuto numerose segnalazioni di terreni pubblici incolti dove il principale vettore del batterio, la sputacchina, può proliferare aumentando il contagio delle piante sane. Al momento - sottolinea Lazzàro - le uniche armi che abbiamo per difendere le nostre piante di ulivo dalla Xylella sono una buona prevenzione da attuare con pratiche agricole e l'attuazione con puntualità del Piano di azione regionale".

La Marina militare e le altre forze armate posseggono vasti territori nelle aree confinanti con gli uliveti dell'area coinvolta dalla Xylella. Una corretta manutenzione di quei territori, - è questo il senso dell'interlocuzione di Confagricoltura - insieme a quelli privati e delle pubbliche amministrazioni, senza ombra di dubbio può contribuire a salvaguardare le aree non ancora colpite dal batterio con enorme vantaggio per l'economia locale e per l'ecosistema territoriale. La scomparsa di centinaia di ettari coltivati per secoli ad ulivo sta modificando drasticamente la fisionomia dell'area agricola pugliese, zona che proprio nell'ulivo secolare trova la sua rappresentazione riconosciuta in tutto il mondo.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: innovazione ricerca fitosanitari Xylella fastidiosa

Temi caldi: Emergenza Xylella fastidiosa

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.219 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner