Pac 2015: avviati da Agea i pagamenti per i saldi

Il plafond di spesa totale per la campagna 2015 è di 1,75 miliardi di euro. Sono tante le aziende agricole che non hanno ancora ricevuto i contributi europei relativi alla domanda unica 2015

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

soldi-monete-euro-banconote-by-lukas-gojda-fotolia-750.jpeg

Avviati i pagamenti per i saldi definitivi della domanda unica 2015
Fonte foto: © Lukas Gojda - Fotolia

La scorsa settimana è partito il pagamento dei saldi definitivi della domanda unica 2015 da parte di Agea. Il primo importo è di 35 milioni di euro relativo a 7mila aziende agricole e, grazie all’esito positivo di una serie di controlli, la platea di beneficiari è stata ampliata fino a 18mila produttori, arrivando a 62 milioni di euro.

Il Mipaaf riporta come l’importo complessivamente già erogato per la campagna 2015 superi 1,17 miliardi di euro, per circa 500mila aziende agricole. Già da questa settimana Agea provvederà ai pagamenti riferiti ai premi previsti per il regime di base, comprese le domande di accesso alla riserva nazionale, il greening e l’aiuto ai giovani agricoltori, per un ammontare complessivo di oltre 350 milioni di euro, a circa 400mila beneficiari.

Per altre 250mila aziende agricole Agea si stanno invece completando le istruttorie relative agli aiuti accoppiati per procedere alla definizione degli importi unitari per un ammontare di circa 230 milioni di euro. In tutto il plafond di spesa assegnato dall’Unione europea per il 2015 e previsto da Agea è di 1,75 miliardi di euro, da erogare entro i termini comunitari.

Prendiamo atto dell’annuncio del Mipaaf dell’avvio da parte di Agea al pagamento dei saldi delle domande uniche della Pac 2015 – sottolinea il presidente di Cia Dino Scanavinocontinueremo nella nostra azione di monitoraggio per far sì che le ultime comunicazioni stampa siano al più presto tradotte in iniziative concrete e non si fermino al solito annuncio. Anche perché non dobbiamo dimenticare che, ad oggi, un’azienda su quattro attende di ricevere quota parte dei circa 600 milioni di euro di risorse comunitarie. Detto questo confermiamo la mobilitazione del prossimo 5 maggio perché la vicenda dei pagamenti Pac rappresenta solo uno dei tanti problemi urgenti a cui gli agricoltori italiani chiedono risposte. Tra l’altro, registriamo una sofferenza nel settore che attraversa uniformemente tutto il territorio nazionale”.

"L'avvio dei primi pagamenti della Pac rappresenta un'importante boccata d'ossigeno per le aziende agricole in un momento difficile per il settore - commenta Coldiretti - secondo quanto riferito da Agea, a partire da questa settimana saranno effettuati i pagamenti con frequenza settimanale riferiti ai premi previsti per il regime di base, comprese le domande di accesso alla riserva nazionale, il greening, l'aiuto ai giovani agricoltori per un ammontare di oltre 350 milioni. L'erogazione dei premi era stata sospesa a causa della necessità di calcolare l'esatto ammontare dei titoli definitivi".

Leggi anche: Domande Pac, scadenza rimandata al 15 giugno 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.533 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner