Latte, focus di Fieragricola sulle richieste degli allevatori

Costituzione di una Ocm latte per sostenere l'export nei Paesi terzi e contenimento volontario della produzione che tenga conto dell'autoapprovvigionamento dei singoli Paesi Ue

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

latte-by-sergey-nivens-fotolia-750x600.jpeg

Le richieste degli allevatori sono emerse da un sondaggio realizzato da Fieragricola
Fonte foto: © Sergey Nivens - Fotolia

Costituzione di un'Organizzazione comune di mercato (Ocm latte) per sostenere l'export nei Paesi terzi e contenimento volontario della produzione lattiera che tenga conto dello stato di autoapprovvigionamento dei singoli Paesi dell'Unione europea. Sono queste le richieste degli allevatori italiani emerse da un sondaggio realizzato da Fieragricola, a cui hanno risposto 480 tra allevatori e trasformatori.

In particolare, sarebbero favorevoli alla predisposizione di una Ocm latte per l'internazionalizzazione nei Paesi terzi il 43,8% degli interessati, seguiti dal 39,6% di quanti chiedono all'Ue di pianificare una riduzione della produzione basata sul reale autoapprovvigionamento.
Questo significherebbe che a ridurre maggiormente la produzione lattiera sarebbero le aree del Nord Europa, le Repubbliche Baltiche e Paesi come l'Irlanda, tutti ampiamente alle prese con un surplus rispetto alle necessità interne.
L'Italia, la cui produzione si colloca al di sotto del 75% del fabbisogno interno, non sarebbe costretta a diminuire le consegne di latte, così come quasi tutto il Sud Europa, essenzialmente deficitario.

Il 22,9% delle risposte è in linea con quanto disposto dalla Commissione europea, cioè di un piano di riduzione volontaria, ai sensi dell'articolo 222 del Trattato sul funzionamento dell'Ue fra tutti i Paesi comunitari.

Spostando l'attenzione sulle richieste degli allevatori al Governo, le risposte al sondaggio si schierano per il rafforzamento della promozione delle Dop casearie (58,3%), per il sostegno all'export nei Paesi terzi (47,9%), per definire incentivi all'innovazione (27,1%) e per rafforzare le organizzazioni di produttori (20,8%).
La produzione di formaggi Dop, in particolare, costituisce un valore aggiunto notevole per il latte italiano ed assicura una tipicità particolarmente apprezzata sui mercati domestico ed internazionale.

Da ricordare che le richieste degli allevatori sono arrivate a seguito del Pacchetto latte anticrisi adottato da Bruxelles, con la dote complessiva di 500 milioni di euro, dei quali 350 nella disponibilità degli Stati membri (l'Italia riceverà 20,9 milioni) e 150 a sostegno della riduzione volontaria delle consegne di latte.

Fonte: VeronaFiere

Autore: G R

Tag: latte unione europea sondaggi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.628 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner