19° Congresso uva da tavola, Targa Bacca d'Oro ai Vivai Cooperativi Rauscedo

A Noicattaro affrontati tutti i temi più attuali della coltivazione della vite per uva da tavola

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

uva-da-tavola-pizzutello03feb2016mario-colapietra.jpg

Uva da tavola, varietà Pizzutello, tra quelle oggi più richieste dai consumatori
Fonte foto: © Mario Colapietra

Si è tenuto venerdì scorso a Noicattaro il 19° Congresso nazionale sull’uva da tavola. Nel corso del simposio ai Vivai Cooperativi Rauscedo è stato conferito il prestigioso riconoscimento della Targa Bacca d’Oro 2016.

“Per aver da quasi 80 anni, prodotto barbatelle con circa 4.000 combinazioni di innesti, con le migliori caratteristiche morfologiche, genetiche e sanitarie fino a produrre 60 milioni di pezzi commercializzati nei 28 paesi viticoli delle diverse dislocazioni mondiali – è scritto nella motivazione, dove per altro si afferma - i Vivai Cooperativi Rauscedo hanno dedicato impegno particolare per la valutazione di novità varietali di uva da tavola con seme ed apirene provenienti da Argentina, Moldavia, Ucraina e Grecia ed alcune di queste diffuse ed apprezzate in Italia meridionale e negli altri Paesi del Mediterraneo”.
 
Gli argomenti trattati per gli aggiornamenti tecnici per i viticoltori hanno riguardato molti ed interessanti aspetti della viticoltura da uva da tavola. Gli effetti degli interruttori della dormienza sul germogliamento della vite, l’irrigazione e la scelta varietale sono stati gli oggetti della relazione di Mario Colapietra.
 
Di confusione sessuale per il controllo della cocciniglia cotonosa della vite si è occupato invece Antonio Guario. Inoltre, Teodoro Membola, di Syngenta, ha relazionato su strategia di controllo della botrite su uva da tavola. Delle innovazioni Eiffel ed Aniplast per la copertura dei vigneti con film e reti di polietilene ha parlato Nico Difino, di Aniplast.
 
Sull’impiego del dei bioregolatori Kelpak® e Sitofex® per la produzione di uva da tavola di qualità è invece intervento Giovanni Papa della AlzChem.
Brecaut: interruttore di dormienza, induttore di fertilità e stimolante dei parametri quali-quantitativi della vite" è stato il tema scelto da Maurizio Simone di L. Gobbi.
 
Alfio Messina ha intrattenuto l’uditorio sulla commercializzazione delle uve senza semi, mentre di tecniche di inerbimento del vigneto per uva da tavola ha parlato Antonio Corleto. Infine Vito Sanitate ha relazionato su “Agri - Quaderno di campagna digitale".
 
L’appuntamento è per il ventennale del Congresso nazionale sull’uva da tavola che si svolgerà il 27 gennaio 2017, con il conferimento della Targa Bacca d’Oro alle società Syngenta Crop Protection Spa, AlzChem e Aniplast. Con il loro sostegno hanno consentito per 20 anni di aggiornare i viticoltori di uva da tavola sulle tecniche innovative per la produzione di uva da tavola.