Entec® 46, il miracolo dell'azoto

Il concime azotato di EuroChem contiente azoto ureico interamente stabilizzato con l'inibitore della nitrificazione 3,4 DMPP

Contenuto promosso da EuroChem Agro
entec-46-concime-fonte-eurochem-agro.jpg

Grazie all'inibitore è favorito l'assorbimento di ammonio da parte della radice

Entec® 46 è un concime azotato contenente azoto ureico interamente stabilizzato con l’inibitore della nitrificazione 3,4 DMPP. Il 3,4 DMPP rallenta la trasformazione dell’azoto ammoniacale in azoto nitrico riducendo le perdite per dilavamento e volatilizzazione, nel rispetto dell’ambiente. In questo modo, le quote di azoto effettivamente assorbite ed utilizzate dalle piante, risultano proporzionali alla loro dinamica di accrescimento. La maggiore efficienza dell’azoto distribuito permette di applicare dosi non superiori ai reali fabbisogni e favorisce una nutrizione più equilibrata delle colture con elevate rese quali-quantitative.

Scarica il leaflet


I vantaggi

  • vantaggi dell’alto titolo dell’urea ma senza perdite per la presenza del DMPP;
  • la presenza dell’inibitore assicura elevate quantità di azoto ammoniacale attorno alle radici;
  • acidificazione della rizosfera e maggiore disponibilità di fosforo e microelementi (es. ferro);
  • piante più efficienti per il risparmio di energia ricavato dall’assorbimento di azoto ammoniacale;
  • possibilità di effettuare un’unica concimazione azotata;
  • prodotto versatile.

Logo di Entec


Il meccanismo di azione

Grazie all’inibitore è favorito l’assorbimento di ammonio da parte della radice, con due benefici importanti: l’acidificazione della rizosfera e il risparmio di energia metabolica.

Quando si impiega urea con inibitore della nitrificazione (Entec® 46), l’abbassamento di pH intorno alla radice:
  • favorisce il rapido passaggio da ammoniaca ad ammonio limitando indirettamente le perdite per volatilizzazione;
  • contrasta l’accelerazione della nitrificazione;
  • migliora l’assorbimento del fosforo e dei microelementi.

Per utilizzare l’azoto assorbito in forma nitrica (ossidata) nei tessuti vegetali, la pianta deve spendere energia per ridurlo. Quando assorbe azoto ammoniacale, in una forma già ridotta, la pianta risparmia questa energia e la utilizza per lo sviluppo. E’ uno dei motivi per cui nei confronti diretti con l’urea tradizionale le piante concimate con Entec® 46 mostrano uno sviluppo più marcato.

Processo di nitrificazione


Nutrizione graduale e prolungata: resa e sanità della granella

La nutrizione della coltura, grazie alle ridotte perdite di azoto per dilavamento e per gassificazione, è efficiente e risponde alle esigenze della coltura che è favorita dalla nutrizione graduale e costante che l’azione del DMPP garantisce. Gli agricoltori che hanno fatto esperienza con Entec® 46 apprezzano il fatto di poter ridurre le dosi, di essere sicuri che l’azoto arrivi alla coltura nella giusta misura senza strappi, di registrare rese elevate in modo più stabile e indipendente dall’andamento stagionale.

Grazie alla sperimentazione in campo, EuroChem dedica costanti investimenti, è stato possibile anche registrare degli effetti positivi sulla sanità della granella, attribuibili proprio alla riduzione degli stress durante tutto il periodo vegetativo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 256.720 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner