Ortofrutta: un nuovo strumento per l'aggregazione

Apofruit, Afe/Salvi, Granfrutta Zani, Pempa Corer/Terremerse, Spreafico/OpKiwiSole insieme per migliorare la redditività delle imprese agricole ortofrutticole

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ortofrutta-verdura-by-monticelllo-fotolia-750.jpeg

Il gruppo agirà nell’ottica di creare valore per gli agricoltori
Fonte foto: © monticellllo - Fotolia

Un gruppo di imprese storiche italiane Apofruit, Afe/Salvi, Granfrutta Zani, Pempa Corer/Terremerse, Spreafico/OpKiwiSole, ha deciso di promuovere un nuovo strumento di aggregazione aperto a tutto il sistema ortofrutticolo nazionale.

Il gruppo agirà nell’ottica di creare valore per gli agricoltori attraverso strategie di aggregazione della produzione; la nuova sinergia ha come obiettivo non solo la singola produzione “pera” ma la generale redditività delle imprese agricole ortofrutticole penalizzate da margini insufficienti per garantire la sopravvivenza del settore.

Questi gli obiettivi:
1. migliorare il reddito della produzione agricola associata;
2. mettere a punto un’aggregazione condivisa e un modello che, partendo da un prodotto, sia estendibile ad altre specie;
3. organizzare un sistema a rete che valorizzi le risorse, il posizionamento di mercato e la specializzazione delle imprese socie;
4. coordinare il destoccaggio per scongiurare le possibili “perdite di valore” dovute a squilibri di mercato;
5. sviluppare nuovi mercati che richiederebbero un sforzo eccessivo se sostenuto singolarmente da ciascuna azienda;
6. creare nuovi elementi di distintività attraverso politica di qualità, comunicazione e marca.

L’aggregazione intende essere aperta a tutte quelle aziende organizzate che condividano gli obiettivi e le modalità operative proposte.

Un modello aggregativo efficiente, integrato, che non generi costi di sistema e che prenda spunto da esempi di successo di “club di prodotto” che in questi anni si sono affermati sul mercato e hanno permesso di valorizzare il lavoro delle aziende agricole.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.670 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner