Sbilanciamento della concorrenza e pratiche commerciali sleali: il caso francese

Come arginare lo strapotere della Grande distribuzione organizzata e della grande industria? In Francia ci provano dal 1996...

Duccio Caccioni di Duccio Caccioni

spesa-consumi-carrello-supermercato-by-kaspars-grinvalds-fotolia-750.jpeg

L'esperienza francese è stata largamente utilizzata anche dall'Unione europea (Foto di archivio)
Fonte foto: © Kaspars Grinvalds - Fotolia

Come possono fare gli agricoltori ad arginare lo strapotere della Grande distribuzione organizzata (Gdo) o della grande industria? Sul tema seguiamo da anni le politiche francesi. Nell’esagono sulla spinta della vivace e pugnace categoria degli agricoltori, il legislatore da ben oltre 20 anni si è rimboccato le maniche. Si è cominciato con la legge Galland nel 1996 (in cui si vietava il sottocosto), si è poi arrivati alla legge Dutreil nel 2005 approdando poi alla fondamentale "loi agriculture et alimentation" nell’ottobre 2018, legge approvata dopo gli Stati generali del cibo (EGalimentation – luglio 2017).

Della loi alimentation abbiamo già scritto e ci piacerebbe scrivere in futuro, dato che potrebbe rappresentare un esempio anche per il nostro Paese. I francesi hanno messo in ordine, dal punto di vista giuridico e costituzionale (ovvero del diritto dei cittadini – e degli agricoltori), nei rapporti tra ambiente-agricoltura-alimentazione definendo un concetto di democrazia alimentare che si lega a quello di sovranità alimentare enunciato a suo tempo al World food summit di Roma. Il caposaldo della legge era di: “... bilanciare le relazioni commerciali nel settore agricolo e alimentare e assicurare un cibo sano e sostenibile”.

L’esperienza francese è stata largamente utilizzata anche dall’Unione europea per ben nota la direttiva 2019/633 riguardante le pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare.

Da quanto fin qui detto ci si aspetterebbe che in Francia lo sbilanciamento fra agricoltori e dettaglianti/industria sia un brutto ricordo oramai dimenticato: nulla di tutto questo. Nella mia ultima visita transalpina avrei immaginato di trovare immaginette santificate del garrulo Macron ad ogni ingresso di azienda agricola. Ho trovato invece agricoltori sempre più inferociti.

Nel passato, le citate leggi Galland e Dutreil si rivelarono qualche cosa vicino al fallimento. Il "nemico" (la Gdo) era troppo furbo e ben organizzato. Pare, diciamo pare, che anche gli ultimi provvedimenti francesi in tema di concorrenza non riescano a sortire gli effetti voluti (forse per gli stessi motivi).

Che fare? Noi avremmo in mente una soluzione semplice. Alle prime 100 risposte ricchi premi e, ça va san dire, cotillon – ricordiamo però che per ogni problema complesso c’è una soluzione semplice. Che è sbagliata.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agroalimentare grande distribuzione organizzata

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.114 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner