Friuli, fondi per l'agricoltura con l'assestamento di bilancio

Risorse in più nel bilancio regionale per alcuni interventi per il settore agricolo: contributi per le scuole agrarie, sistemi di irrigazione, fondo emergenze, zootecnia, Consorzi di bonifica

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

3 milioni di euro in più per il fondo di rotazione in agricoltura in Friuli Venezia Giulia
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

L'assestamento di bilancio in Friuli Venezia Giulia porta benefici al settore agricolo. Sono infatti quasi 3 i milioni di euro che vanno a incrementare il fondo di rotazione in agricoltura in maniera tale da permettere ulteriori investimenti e soddisfare anche tutte le domande delle imprese in difficoltà.

Ci sono poi 2 milioni di euro in più anche per i Consorzi di bonifica, che vanno ad aggiungersi agli 11,5 milioni di euro già stanziati per continuare nel lavoro per creare un sistema irriguo moderno. Vengono poi aggiunti 700mila euro in più sul fondo "Emergenze in agricoltura" per affrontare le criticità, come per esempio la cimice asiatica, mentre 150mila euro in più saranno destinati agli istituti agrari regionali per continuare ad ammodernare laboratori e strutture didattiche.

Sono poi destinati all'associazione allevatori per acquistare strumenti di analisi ancora più moderni a diretto vantaggio della zootecnia da latte, mentre ci sono 100mila euro in più per finanziare l'acquisto di attrezzature da parte delle latterie turnarie regionali.

"Dopo la norma di manutenzione di poche settimane fa caratterizzata da semplificazioni e riduzioni di vincoli per l'attività agricola - sottolinea l'assessore regionale Cristiano Shaurli - con questa variazione di bilancio diamo forza ad alcune poste identificando con precisione le priorità".

"Queste sono solo le voci più significative alle quali si aggiungono lo scorrimento di diverse graduatorie - conclude Shaurli - vogliamo dare risposte a tutte le domande di contributi relative agli impianti a biomasse destinati a famiglie e imprese e al recupero di aree incolte".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.950 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner