L'innovazione tecnologica passa dalle Fiere zootecniche internazionali di Cremona

Appuntamento a CremonaFiere dal 24 al 27 ottobre prossimi. Novità: Agrinnovation Summit e Milk.it

bovini-fiere-zootecniche-internazionali-di-cremona-fonte-cremonafiere.jpg

Presenti anche le aree tematiche Milk Village, Bio Village, Techno Village, Bioenergy Village, Area Forum
Fonte foto: CremonaFiere

L'evento di riferimento per l'agrozootecnia, le Fiere zootecniche internazionali di Cremona 2018, ritorna dal 24 al 27 ottobre a CremonaFiere con un programma rinnovato e ancora più ricco.

Insieme alla presenza fra gli espositori dei marchi di settore più importanti al mondo, il 2018 vedrà il debutto di Agrinnovation Summit, l'appuntamento che porterà alcuni dei più autorevoli istituti di ricerca europei, le più interessanti startup, università e operatori del settore ad aggiornarsi, confrontarsi e offrire soluzioni su tecnologie, innovazione e sviluppo in ambito agricolo, zootecnico e agrifood.

Già confermata la partecipazione dell'olandese Wageningen University & Research, oltre all'Osservatorio SmartAgrifood del Politecnico di Milano e Università di Brescia, Università Cattolica, Aita - Associazione italiana tecnologie alimentari, Crea - Acquacoltura e zootecnia e Crpa - Centro ricerche di produzioni animali di Reggio Emilia.

Il nuovo spazio dedicato alle soluzioni capaci di garantire nuove opportunità di reddito e superiore qualità dei prodotti, si aggiunge alle aree tematiche Milk Village, Bio Village, Techno Village, Bioenergy Village, Area Forum, dedicate in modo specifico al mondo della trasformazione del latte, alle produzioni biologiche, ai più recenti macchinari, al biogas e alle tecnologie per le energie rinnovabili, all'economia circolare, oltre alla nuova edizione della Mostra nazionale e Open junior, eventi unici in Italia e fra i più importanti a livello internazionale.

Fra le novità del 2018 da segnalare anche Milk.it, un appuntamento appositamente pensato per approfondire temi come il benessere animale, la produzione casearia, la qualità, la formazione e il made in Italy.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.445 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner