Zootecnia, Enel-Mipaaf: firmato accordo per l'efficienza energetica

Il ministro Martina: "Un altro strumento importante per la competitività dei nostri allevamenti"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bovini-mucche-mucca-vitelli-agl-photoproductions-fotolia-750x500.jpg

Enel metterà a disposizione delle imprese dei pacchetti dedicati di fornitura di energia elettrica e gas a condizioni più vantaggiose
Fonte foto: © agl-photoproductions - Fotolia

Mipaaf ed Enel Spa hanno siglato questa mattina un protocollo di collaborazione sull’efficienza energetica nella filiera zootecnica alla presenza del ministro Maurizio Martina e del direttore della Country Italia di Enel Carlo Tamburi; l'intesa è stata firmata a Verona in occasione di Fieragricola. Contestualmente Enel Energia e le organizzazioni agricole nazionali, rappresentate da Coldiretti e Agrinsieme, hanno sottoscritto un primo accordo quadro della durata di due anni.
 
Nello specifico, Enel metterà a disposizione delle imprese - a partire proprio da quelle lattiere - dei pacchetti dedicati di fornitura di energia elettrica e gas a condizioni più vantaggiose, studiati sulle esigenze delle imprese di allevamento, in considerazione delle loro dimensioni e dei loro fabbisogni, oltre a dei servizi di analisi ed efficientamento specifici, volti al miglioramento delle performance, all’ottimizzazione e alla gestione dei consumi di energia elettrica e gas in termini di utilizzo sostenibile delle risorse.
 
"Interveniamo - ha detto il ministro Maurizio Martina - per migliorare l'efficienza energetica e abbattere i costi delle aziende zootecniche, a partire da quelle lattiere. Grazie all'accordo con Enel, infatti, le imprese potranno risparmiare e aumentare la loro competitività e sostenibilità anche sotto il profilo economico. Sappiamo che il nodo dei costi di produzione rimane uno dei fronti sul quale dobbiamo concentrare gli sforzi per dare futuro a più di 120 mila imprese che allevano bovini da latte e da carne. Quello che abbiamo costruito con Enel è un modello innovativo di collaborazione che siamo pronti come ministero a replicare anche con altre compagnie del comparto energia. Dopo gli interventi sulla tutela del reddito degli allevatori e il rafforzamento degli strumenti per il credito, mettiamo un altro importante tassello nella strategia di intervento per il settore".
 
Il quadro
  • Sono oltre 35 mila le aziende di produzione di latte alle quali si aggiungono 85 mila allevatori di bovini da carne.
  • Il consumo di energia rappresenta una voce sempre più rilevante del bilancio delle imprese zootecniche, che supera il 6% del totale dei costi variabili di produzione.
  • La spesa media annua aziendale per gli allevatori risulta pari a 17.487 euro, corrispondente a circa 141 euro/capo bovino/anno. 
Gli strumenti 
L'accordo prevede:
  • Pacchetti dedicati di fornitura di energia elettrica e gas a condizioni più vantaggiose e studiati sulle esigenze delle imprese di allevamento in considerazione delle loro dimensioni e dei fabbisogni.
  • Servizi di efficienza energetica specifici volti al miglioramento delle performance energetiche, all’ottimizzazione e alla gestione dei consumi di energia elettrica e gas.
Scarica il protocollo in formato. Pdf

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.629 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner