Colza, una coltura pronta a decollare

In Italia il suo utilizzo è marginale, ma c'è aria di cambiamento. E Kws possiede un'ampia gamma di ibridi, come Gordon, il quale ha dimostrato massima adattabilità agli ambienti della penisola

Info aziende
colza-campo-kws-red-lug-2018-fonte-kws.jpg

Gordon a pieno campo ha confermato le sue eccellenti caratteristiche agronomiche e di sanità

In molti paesi europei e Nord americani la coltura del colza è un'importante risorsa per gli agricoltori e occupa importanti superfici coltivate: è una tra le piante più utilizzate nei programmi di rotazione agraria.

In Italia il suo utilizzo è ancora marginale, ma ci sono importanti ragioni perché la situazione possa evolvere:
  • È una coltura autunno-primaverile, valida alternativa ai classici cereali a paglia (grano, orzo…) e può entrare a pieno diritto nei programmi di rotazione aziendali.
  • Se ben seguita dal punto di vista agronomico, garantisce ottime produzioni ed è competitiva con i cereali a paglia.
  • Può essere utilizzata per liberare il terreno dall'infestazione di diabrotica entrando in rotazione con il mais con i seguenti programmi:

Programma di rotazione

Kws possiede una vasta gamma di ibridi di colza utilizzati nei paesi dove questa pianta è importante. Tra essi troviamo Gordon che ha dimostrato massima adattabilità agli ambienti italiani, sia per l'elevata potenzialità produttiva che per la tolleranza alle condizioni di stress.

Gordon in Italia è commerciale da due anni. A pieno campo ha confermato le sue eccellenti caratteristiche agronomiche e di sanità, diventando uno tra gli ibridi di riferimento nella coltivazione di colza nel nostro paese.

Ne ricordiamo le principali caratteristiche:
  • Produzione: ottimi risultati nelle prove pubbliche negli anni 2015, 2016 e 2017, con importanti conferme dal pieno campo nel 2018.
  • Sanità: ottima, resistente a tutte le razze di Phoma conosciute.
  • Allettamenti: ottima tenuta delle piante anche in raccolte tardive.
  • Rusticità: eccellente con fioritura molto precoce.
  • Qualità: elevata con contenuto in olio mediamente superiore al 45%.
 
Gordon è un ibrido di colza dotato di un eccellente spunto produttivo in tutti gli ambienti di coltivazione. 
Gordon ha un comportamento stabile negli anni ed è un ibrido molto sano.
Gordon assicura un'ottima uniformità di sviluppo in ogni tipologia di terreno e ha un'ottima ripresa vegetativa anche negli ambienti siccitosi.
Gordon garantisce elevate produzioni di olio.

Fonte: Kws Italia

Tag: colza

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.358 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner