La Nuova Zelanda investe nel kiwi

Zespri e Plant & Food Research lanciano un programma da 35,7 milioni di dollari per lo sviluppo di nuove varietà

Francesca Bilancieri di Francesca Bilancieri

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Zespri.jpg

Kiwi Zespri

Zespri e l'istituto neozelandese Plant & Food Research hanno intrapreso un programma di 7 anni, dal costo complessivo di 35,7 milioni di dollari, allo scopo di sviluppare nuove varietà di kiwi.

La Fondazione per la ricerca, la scienza e la tecnologia, un ente pubblico, contribuirà con 15,2 milioni di dollari, mentre da Zespri verranno i restanti 20,5 milioni: si tratta del più grande e significativo programma di ricerca e sviluppo nella kiwicoltura.

La partecipazione dell'Istituto dimostra l'interesse del governo neozelandese nel settore dell'orticoltura e il suo impegno a supporto di questo settore, molto promettente per l'export nazionale: secondo gli operatori, infatti, le entrate provenienti da questo settore si raddoppieranno entro il 2020, arrivano a 10 miliardi di dollari.

"Investendo in questo programma di ricerca e sviluppo, ci assicuriamo che le nuove generazioni di varietà di actinidia neozelandese saranno le migliori al mondo. Dal loro successo commerciale verrà un beneficio non solo agli operatori del settore ma anche, indirettamente, a tutto il nostro Paese" ha commentato Lain Jager, CEO di Zespri.

La sinergia tra ente governativo e Zespri assicurerà ai coltivatori neozelandesi non solo una grande disponibilità di fondi, operatori e mezzi, ma anche efficienza e omogeneità negli scopi: scopo ultimo del programma è lo sviluppo di nuove varietà di kiwi differenziate in base ad apparenza, qualità organolettiche e caratteristiche nutrizionali, in modo da facilitarne la futura collocazione sul mercato.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Zespri International Limited

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.837 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner