Oltre la nutrizione

La Linea Biosolution di Arysta Lifescience mette a disposizione i molteplici benefici dei biostimolanti a base di Ascophyllum nodosum

Contenuto promosso da Arysta Lifescience
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

arysta-biosolution-ascophyllum.jpg

La Linea Biosolution di Arysta Lifescience per la nutrizione vegetale

Dal punto di vista botanico appartiene alla famiglia delle Fucacee ed è nota anche come "alga bruna". Per gli appassionati di sistematica il suo vero nome è però Ascophyllum nodosum e cresce nei mari del Nord. Non a caso, una delle aziende che più ha acquisito conoscenze specifiche su queste alghe è Goëmar, la quale nei suoi laboratori di Saint Malo, in Bretagna, estrae da anni una molteplicità di sostanze preziose da queste matrici vegetali. Attualmente Goemar è infatti l’azienda di riferimento a livello mondiale nel mercato dei biostimolanti.

Ed è proprio sull’esperienza Goëmar che Arysta Lifescience ha basato il nuovo catalogo nutrizionale Biosolution, una serie completa di prodotti per la stimolazione ed il riequilibrio delle piante, dedicate ad assicurare ottime produzioni di elevata qualità.

Frutto della Physio Acticator Technology® by Goëmar, i filtrati algali contengono elicitori, ovvero sostanze capaci di stimolare il metabolismo delle piante, incrementando l’assorbimento degli elementi nutritivi dal suolo e la produzione di poliammine, composti essenziali per la replicazione del Dna e per la divisione cellulare. Inoltre, la materia prima GA142 (Goëmar Ascophyllum) è stata inserita dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali nell’elenco nazionale delle sostanze Biostimolanti, con il decreto 3 marzo 2015, pubblicato sulla G.U. n° 104 del 7 maggio 2015.

Scarica il catalogo Biosolution di Arysta Life science
 

L'Ascophyllum alla lente

Ascophyllum nodosum, come detto, è un'alga bruna della famiglia delle Fucaceae, prolifera nei mari del Nord ed è nota nella comunità scientifica a seguito di numerose attività di ricerca per le sue possibili applicazioni, soprattutto agricole. In Bretagna le elevate escursioni giornaliere di marea espongono quest’alga a vita sommersa ed emersa e per tale motivo si accumulano all’interno di essa numerose sostanze antistress. Tali molecole, una volta estratte, hanno effetti positivi se applicate alle colture agricole.

Ascophyllum viene raccolto manualmente dall’oceano nel periodo compreso tra maggio e settembre ed entro 24 ore viene portato in azienda e lavorato con un procedimento esclusivo che consente di estrarre, concentrare e conservare inalterate le sostanze fisioattive. Grazie a ciò i prodotti della linea Biosolution di Arysta Lifescience garantiscono all’agricoltore sicurezza e stabilità del formulato ed alle piante una “crescita da campioni”.
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.261 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner