Veloce ed efficace

Ammin. 11 L di Caprara è un eccellente nutriente fogliare ottenuto mediante idrolisi di proteine e composto da amminoacidi, peptidi e polipeptidi e coadiuvanti specifici

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

caprara-ammin11.jpg
Quando serve velocità d’azione ed efficacia del trattamento, devono entrare in campo prodotti capaci di trasferire alle colture tutto ciò che serve loro con un solo trattamento.
Fra questi prodotti spiccano quelli basati su alti contenuti in amminoacidi liberi a basso peso molecolare, i quali assicurano la massima assimilazione da parte della pianta, sia per via radicale sia fogliare
 
Per la sua speciale formulazione, Ammin.11 L di Caprara agisce aumentando la germinazione  e la resistenza del granulo del polline con aumento del tubetto pollinico. Inoltre, i composti ad azione fitostimolante e chelante naturalmente presenti nelle materie prime utilizzate, stimolano la crescita e lo sviluppo  della pianta nei momenti in cui deve realizzare un grande sforzo come fioritura, crescita, sviluppo o post-potatura. 
Questi composti, nel contempo, sono di vitale importanza quando la pianta soffra o abbia sofferto di un qualsivoglia tipo di stress, come per esempio gelate, siccità, effetto fitotossico degli agrofarmaci. Infine, mostrano possedere un'azione rigenerante per la coltura dopo un'elevata produzione.
 

Il prodotto alla lente

 
Ammin.11 L è un concime organico azotato derivato da epitelio animale idrolizzato fluido. È consentito anche in agricoltura biologica e contiene azoto totale in ragione del 9%, azoto organico per l’8,7% e carbonio organico di origine biologica per il 32%. )
 
Può essere utilizzato con profitto su fruttiferi, vite, agrumi, olivo e colture orticole, sia per trattamento
fogliare
(200-300 g/hl) sia per trattamento radicale (750 g/1000m2)
 
Scarica il programma per l’uva da tavola

Fonte: Caprara

Tag: fertilizzanti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.485 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner