Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Furti di trattori, la strategia per difendersi

La Puglia è la regione più colpita dai furti di macchine agricole, seguita dalla Sicilia. Ma è tutta l'Italia ad essere vessata dai ladri. Ecco come difendere i propri mezzi

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

trattore-campo-emissioni-by-antbphotos-fotolia-750.jpeg

I trattori di media potenza sono quelli più rubati in Italia
Fonte foto: © antbphotos - Fotolia

Il furto di macchine agricole è uno dei problemi più sentiti dalle aziende agricole. Ogni agricoltore, quando al mattino apre la rimessa, spera che nessuno abbia portato via trattori, attrezzature o anche benzina e mezzi tecnici. D'altronde i numeri dei furti in Italia sono preoccupanti.

A guidare la classifica delle regioni più pericolose per chi fa agricoltura troviamo la Puglia, con 1.597 unità sottratte illegalmente ai legittimi proprietari nel 2017 (Fonte Sdi/Ssd). Segue la Sicilia, con 1.114, e la Campania con 964. Più giù ancora in classifica troviamo la Lombardia con 655 furti, la Toscana con 626 e intorno alle 500 unità rubate Calabria, Emilia Romagna, Lazio e Veneto.

"Dentro questi numeri ci sono i trattori, ma anche le macchine agricole e le semplici motoseghe. Il paradosso è che a livello nazionale non esistono statistiche precise sulle tipologie di furti perpetrati a danno di agricoltori e contoterzisti", ha spiegato Gianni Di Nardo, segretario generale di Unacma (Unione nazionale dei commercianti di macchine agricole) durante un convegno ad Eima dal titolo 'Il fenomeno dei furti di macchine agricole. Testimonianze e possibili soluzioni'.

"Salta agli occhi come la regione più colpita sia la Puglia e il motivo è semplice. La stragrande maggioranza della refurtiva non viene rivenduta in Italia, ma portata al di là dell'Adriatico, nei paesi dell'Est Europa. I trattori rubati al Sud vengono imbarcati a Bari o Ancona, mentre quelli sottratti al Nord sono trasportati oltreconfine via terra da Trieste", denuncia Di Nardo.
 

Ai ladri piace la media potenza

Ma quali sono i trattori che i ladri prendono maggiormente di mira? Secondo i dati e l'esperienza di Roberto Guidotti del Cai (Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani) la categoria più colpita è quella tra gli 80 e i 150 cv, magari con due sollevatori e tutti gli optional del caso. La macchina viene caricata su un carro centinato e nel giro di 24 ore si trova fuori confine, con numeri di telaio e documenti contraffatti.

Le macchine di grande potenza sono meno appetibili, perché più complicate da rubare. "Solitamente vengono nascoste in luoghi pubblici abbandonati, specialmente in edifici come caserme o ospedali", spiega Guidotti. "I ladri lasciano passare qualche giorno che la merce 'si raffreddi' e poi la preparano per la spedizione. Vengono tolte le gomme e la cabina e poi il tutto viene mandato oltreconfine, magari con la complicità di qualcuno alla dogana".

Se l'agricoltore è assicurato il danno è più contenuto, anche se comunque pesante. Mentre se la polizza non c'è il colpo per una piccola azienda può essere mortale. Un modo per difendersi è quello di utilizzare gli antifurti. "Ma quelli del costruttore sono inutili, perché i ladri sanno esattamente dove sono e li tolgono immediatamente", mette in guardia Dario Bartesaghi, della Mls (Mechanical line solutions), azienda che produce antifurti per macchine agricole e non solo. "Per proteggere efficacemente un trattore bisogna installare un sistema di blocco idraulico e un antifurto satellitare occultato".
 

Due strategie contro i ladri

Il primo è un antifurto meccanico idraulico che assicura il blocco totale delle funzioni idrauliche del mezzo. È un sistema che, fanno sapere da Mls, è quasi impossibile da manomettere perché richiederebbe ore di lavoro e attrezzature speciali. Se inserito il ladro può mettere in moto il mezzo, ma non usare lo sterzo e le altre componenti idrauliche.

I Carabinieri possono poco davanti ad una semplice denuncia di furto, ma se sanno dove si trova il mezzo si muovono velocemente. Mls ha portato ad Eima alcuni esempi di antifurti satellitari, alcuni dei quali grandi come un pacchetto di sigarette, che possono essere verniciati e nascosti nei punti più impensati, da un bocchettone dell'aria fino all'imbottitura del sedile. L'antifurto ha una batteria che dura diversi mesi ed è in grado di agganciarsi a qualunque rete wifi per inviare la sua posizione nel caso in cui il segnale Gps venga disturbato.

Ma non è finita qui. Perché la beffa per alcuni agricoltori è quella di sapere dove si trova il proprio mezzo, ma di non poterlo recuperare. Nel caso si trovi in un paese dell'Est, magari fuori dall'Unione europea, il recupero non è affatto semplice. Per risolvere il problema Mls ha messo a punto dei micro-tag, piccolissimi adesivi da applicare a centinaia sul mezzo che riportano un codice univoco che identifica il proprietario. In questo modo l'azienda di antifurti è in grado di provare la proprietà del trattore e recuperarlo in breve tempo.

Leggi anche: Antifurti agricoli, come ti metto ko il ladro

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: assicurazioni macchine agricole trattori attrezzature furti in campagna

Temi caldi: Eima International 2018

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner