Aiuti agli indigenti, mantenuti 3,5 miliardi per il periodo 2014-2020

Raggiunto l'accordo tra Consiglio e Parlamento Ue: il Fondo europeo dovrebbe essere operativo dal primo gennaio 2014

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

euro-banconote-490.jpg

Fondo indigenti invariato per il periodo 2014-2020

Raggiunto l'accordo tra Consiglio e Parlamento Ue: il Fondo europeo per gli aiuti agli indigenti per il periodo 2014-2020 sarà mantenuto a 3,5 miliardi di euro, dunque invariato rispetto al periodo 2007-2013. Il Fondo dovrebbe essere operativo a partire dal 1 ° gennaio 2014.
"Il Parlamento ha combattuto per mantenere lo stesso budget per gli aiuti agli indigenti e per soddisfare obiettivi ambiziosi",  ha detto il presidente della commissione affari sociali dell'Europarlamento, la francese Pervenche Beres.

"Il Fondo mira ad aiutare i più bisognosi di tutti gli Stati membri. In totale sono 40 milioni le pesone in tutta Europa che non possono permettersi un pasto giornaliero e quattro milioni sono i senza tetto", ha affermato il relatore del Parlamento europeo, Emer Costello.

I finanziamenti non saranno più in seno alla Pac, che finora aveva li aveva distribuiti tramite
il Programma di aiuto alimentare per i più indigenti, ma dal Fondo sociale europeo
 
L'accordo recepisce la volontà del Parlamento di fissare il tasso di cofinanziamento del programma (quota versata dall'Ue - il resto viene pagato dagli Stati membri) all'85% delle spese ammissibili (la Commissione aveva proposto l'85% come livello massimo) e di aumentare questo tasso al 95% per i Paesi più colpiti dalla crisi .

L'accordo deve essere approvato dai rappresentanti permanenti degli Stati membri (Coreper) e dal Comitato per l'occupazione nel suo insieme prima di andare in plenaria.

Aprpofondimenti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.266 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner