2016, buona annata suinicola

Le analisi del Crefis confermano l'aumento di redditività del settore conseguito a conclusione dello scorso anno. Molti i fattori che hanno contribuito a raggiungere questo risultato

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

suinetto-suinetto-suini-by-markobe-fotolia-750.jpeg

Significativo il ruolo dell'export europeo di carni suine nel favorire una tenuta dei prezzi sul mercato interno
Fonte foto: © markobe - Fotolia

L'inizio del nuovo anno è sempre una buona occasione per tracciare un bilancio sull'anno che lo ha proceduto. Accade anche per la suinicoltura e il quadro che ne emerge è quello di un 2016 positivo, sia in termini di prezzo sia di redditività.

I fattori chiave
"Il buon andamento della suinicoltura nel 2016 - spiega Gabriele Canali, direttore del Crefis, il Centro di ricerche economiche dell'Università Cattolica di Piacenza - è sostanzialmente frutto di tre fattori concomitanti. Due hanno origine a livello internazionale, vale a dire la campagna di aiuti allo stoccaggio privato attivata dall'Unione europea nella prima parte dell'anno, e l'incremento di export Ue verso la Cina. Entrambi hanno alleggerito l'offerta interna all'Ue".

"Il terzo fattore
 - prosegue Canali - risiede nel significativo aumento dei prezzi del prosciutto Dop, in particolare il 'Parma', che nel corso dell'anno ha trainato in modo importante la filiera. Come è agevole notare si tratta di fenomeni sostanzialmente esogeni rispetto al comparto dell'allevamento suinicolo".

I "numeri"
Ma veniamo ai numeri, a cominciare dal prezzo medio annuale del suino pesante da macello che sul mercato di Modena, nel 2016, ha raggiunto 1,444 euro al chilogrammo (prezzo a peso vivo) contro i 1,357 euro/chilogrammo del 2015. Dunque, tra l'anno appena concluso e l'anno precedente, il prezzo medio è aumentato di un significativo 6,5%.

Anche considerando l'andamento mensile nel corso dell'anno, si ha la conferma di un 2016 relativamente migliore rispetto al 2015. Lo si nota già guardando il grafico 1 (che appunto riporta l'andamento dei prezzi medi mensili nel corso degli ultimi anni) il quale ci mostra come da maggio il prezzo di mercato del suino pesante da macello registrato nel 2016 (linea rossa) sia significativamente maggiore rispetto al 2015 (linea blu).
 

Un gap positivo che si amplia soprattutto nei mesi autunnali quando le macellazioni di suini, e dunque la domanda di capi da macello, è più elevata.
Ovviamente non sfugge all'osservazione del grafico che, per buona parte dell'anno, i prezzi medi mensili registrati nel corso del 2016 sono stati inferiori a quelli visti lungo il 2014 (linea verde). Rimane che dall'agosto scorso i prezzi dei suini pesanti sono risultati i più elevati degli ultimi tre anni.

Redditività in crescita
A ulteriore testimonianza di un 2016 nel complesso positivo c'è il dato della redditività annuale dell'allevamento suinicolo nazionale, calcolato dall'indice Crefis a +3,2%.
Nella prima parte dell'anno, l'indice Crefis dell'allevamento è calato nei mesi di febbraio e aprile, per poi risalire fino a toccare il picco massimo nel mese di ottobre, quando è risultato il più elevato dal gennaio 2007.

Ancora più evidente è l'andamento positivo nel 2016 del mercato dei suinetti da allevamento. La quotazione media annuale dell'anno appena trascorso è risultata pari a 2,630 euro/chilogrammo (quotazioni Cun suini a peso vivo), ovvero l'11,5% in più rispetto al 2015 quando il prezzo dei suinetti si era fermato a 2,358 euro/chilogrammo.

Visualizzando la scansione mensile, il grafico 2 ci mostra come nel corso del 2016 l'andamento del prezzo dei suinetti da allevamento sia stato costantemente migliore rispetto al 2015, ma peggiore nei confronti della prima parte del 2014.
 

I tagli di carne
Allargando lo sguardo ai tagli di carne suina, nel 2016 si è registrato un aumento dei prezzi delle cosce fresche destinate alle produzioni Dop, mentre sono calate le quotazioni delle cosce destinate a prosciutti non tipici. Così come in discesa sono risultati i prezzi dei lombi freschi.
 

Bene i prosciutti
Continua, anche nel 2016, il trend positivo dei prosciutti stagionati che, grazie al notevole differenziale rispetto al 2015, raggiungono valori mai toccati in precedenza.
Per il prosciutto di Parma i prezzi medi annuali sono infatti stati pari a 9,383 euro/chilogrammo per il prosciutto di peso 9-11 chilogrammi (+19,1%) e a 8,942 euro/chilogrammo per quello più leggero (+20,0%).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.188 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner