Malattia: dall'animale all'uomo, il punto sulle interazioni tra sanità pubblica e veterinaria

L'Istituto zooprofilattico sperimentale Umbria-Marche riunisce i maggiori scienziati del panorama scientifico internazionale sulle zoonosi giovedì 17 novembre 2011, alle ore 9 presso il Relais San Clemente a Perugia

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

izsum-jpg.gif

“Una sola salute” è il concept della conferenza internazionale che l’Izsum, Istituto zooprofilattico sperimentale Umbria-Marche ha organizzato a Perugia per il prossimo 17 novembre. Il 61% di tutti i patogeni emergenti oggi riconosciuti sono agenti di malattie trasmissibili dall’animale all’uomo. Alla luce di ció,  non si può parlare di sanità umana senza garantire anche una pari  attenzione alla  salute animale.   

L’interazione tra salute umana ed animale non è certo un fenomeno nuovo, tuttavia l’impatto delle zoonosi con cui ci stiamo confrontando oggi a livello mondiale è senza precedenti. Le istituzioni che si occupano di sanità pubblica e veterinaria, sono chiamate a far fronte ad una nuova era caratterizzata da malattie emergenti e ri-emergenti che vengono segnalate con frequenza crescente. Assistiamo ad una straordinaria confluenza di persone, animali e prodotti di origine animale, e la globalizzazione sta cambiando le basi fondamentali delle politiche sanitarie ed il modo in cui affrontare il futuro. In questo contesto, il concetto “una sola salute”, assume grande importanza, e una piena collaborazione tra quanti operano in tale delicato settore ci sarà di grande aiuto nella lotta alle zoonosi emergenti e ri-emergenti.

In tale prospettiva, questa conferenza vuole riunire professionisti della sanità pubblica e veterinaria con l’obiettivo di rafforzare tale collaborazione di fronte alla minacciante diffusione  di nuove malattie.

Tra i partecipanti la scienziata Ilaria Capua, neovincitrice del premio internazionale PennVet Leadership Award 2011, uno dei più prestigiosi riconoscimenti scientifici, e Massimo Palmarini, uno dei più grandi retrovirologi del mondo.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.669 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner