Per la Pesca di Verona Igp il traguardo è vicino

La recente pubblicazione della domanda di riconoscimento apparsa in questi giorni sulla Gazzetta ufficiale della Ue conferma che l'iter è ormai arrivato alle sue battute finali

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pesca-di-verona-igp.jpg

Il logo del riconoscimento Igp

Ultima tappa della Pesca di Verona, ormai in vista del traguardo dell'Indicazione geografica protetta.
La Gazzetta fficiale dell'Unione europea ha infatti pubblicato in questi giorni la relativa domanda di riconoscimento. La pubblicazione dà agli Stati membri la possibilità di presentare alla Commissione, entro i prossimi sei mesi, eventuali osservazioni ed opposizioni. Se non ne perverranno, questo eccellente frutto del Veneto verrà iscritto ufficialmente nel registro dei prodotti tutelati dalla Comunità.

"La qualità veneta ha ripreso a correre nell'ortofrutta
- ha commentato il vicepresidente della Giunta regionale Franco Manzato - dove numerose richieste sono ormai alle soglie di un riconoscimento anche formale che garantisce le caratteristiche del prodotto, tutela i consumatori e valorizza produzioni locali di altissimo livello che affondano la loro storia nell'identità del territorio d'origine. Il 31 marzo, infatti, è stata pubblicata la richiesta di Igp Riso del Delta del Po; il 18 aprile quelle per l'Insalata di Lusia e i Marroni di Monfenera, il 6 maggio la richiesta di Dop per l'Aglio Bianco Polesano; l'11 maggio è stata la volta dell'Igp per i Marroni di Combai".
 
La Pesca di Verona Igp si riferisce alle pesche a polpa bianca o gialla e alle nettarine a polpa gialla coltivate in provincia di Verona nei territori dei Comuni di Bussolengo, Castel d'Azzano, Castelnuovo Del Garda, Lazise, Mozzecane, Pastrengo, Pescantina, Povegliano, San Giovanni Lupatoto, San Martino Buon Albergo, Sant'Ambrogio di Valpolicella, Sommacampagna, Sona, Valeggio sul Mincio, Verona, Villafranca e Zevio. La zona di coltivazione è caratterizzata da un ambiente particolarmente adatto per tipo di terreno, clima, precipitazioni e collocazione protetta dal sistema alpino e mitigata dal Lago di Garda. La Pesca di Verona IGP potrà essere commercializzate dal 10 giugno al 20 settembre, contraddistinta dall'apposito marchio previsto dal disciplinare.

"Prosegue il nostro lavoro a tutela dei prodotti tipici italiani: oggi possiamo ritenerci soddisfatti per la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea della domanda di riconoscimento della Pesca di Verona",
ha dichiarato il ministro per le Politiche agricole, alimentari e forestali, Luca Zaia, che ha aggiunto: "Garantire la tutela dei prodotti di qualità, anche di quelli resta un punto irrinunciabile della nostra politica e della nostra azione, tanto a livello nazionale quanto a livello europeo".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.369 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner