RisoItaliano.org: 'Il gene del chiccone'

Una nuova scoperta per il riso, che potrebbe portare enormi benefici al chicco bianco

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

chicchi-riso-tre-colori-arie09-byrisoitaliano.jpg

Fonte foto: RisoItaliano.org

La segnalazione arriva dal portale RisoItaliano.org. Dalla collaborazione tra la Penn State University e l'Accademia cinese di scienze, è arrivata la notizia della scoperta di un gene che controlla la dimensione e il peso dei chicchi di riso. Si tratta di una rivelazione molto importante, da sfruttare anche nelle aziende risicole d'Italia, e che potrebbe portare essere utile per ottenere riso ad alta resa.

Nello specifico, gli studiosi hanno identificato una varietà di riso mutante che produce grani di dimensioni al di sotto della media, scoprendo che portava mutazioni a carico del gene G1F1 (Grain Incomplete Filling 1). Questo gene è responsabile del controllo dell'attività dell'enzima invertasi, che è localizzato sulla parete cellulare, dove converte il saccarosio in sostanze che poi vengono utilizzate per creare l'amido. Il gruppo ha effettuato l'isolamento e l'analisi funzionale del gene GIF1: ha misurato l'attività dell'enzima invertasi in ceppi di riso senza alcuna mutazione, e nella varietà mutata in cui c'è un deficit di attività dell'enzima.

E' stato cosi riscontrato che l'attività nel ceppo mutante è soltanto il 17 per cento rispetto a quella del primo, confermando l'attività di controllo del gene sull'invertasi. Stabilito ciò, sono state prodotte linee transgeniche con una iperespressione del gene GIF1, caratterizzate da chicchi più grandi e più pesanti del normale.

Fonte: Riso Italiano

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.315 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner