CPR System, un anno record

Con 108 milioni di movimenti, per 37 milioni di euro di fatturato, la cooperativa di Gallo si conferma leader in Italia per gli imballaggi riutilizzabili

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

conferenza6giugno 005.jpg

Da sinistra: Renzo Piraccini presidente e Gianni Bonora direttore di CPR System

Gli eccellenti risultati del bilancio di CPR System confermano che investire in Italia sulla razionalizzazione logistica e la salvaguardia ambientale paga, in termini di redditività economica, più di quanto si possa pensare.
Ne sono una conferma i risultati della gestione 2008, con 37 milioni di euro di fatturato e 1,3 milioni di utili. La scommessa di CPR System, la cooperativa con sede a Gallo (Fe) parte appunto da una scelta avveniristica compiuta oltre 10 anni fa. Produrre, distribuire e recuperare/riciclare imballaggi in plastica a sponde abbattibili per l’ortofrutta italiana.
Il sistema diventa ben presto il primo esempio di filiera nel settore perché vi partecipano, in solido, i produttori, i distributori, i fornitori di servizi. Oggi i soci di CPR System sono 905.
 
Il Centro di Gallo, che è anche la sede legale della società cooperativa, si affianca ad altri 2 centri di lavaggio in Toscana e in Lombardia e a 12 depositi, distribuiti su tutto il territorio nazionale, dal Veneto, alla Sicilia e alla Sardegna.
Il personale impiegato nel circuito CPR raggiunge le 117 unità e le movimentazioni degli imballi hanno raggiunto, nel 2008, cifre vertiginose: 108 milioni di movimentazioni di cassette a sponde abbattibili e 360.000 movimentazioni di minibins, sempre a sponde abbattibili, a cui si aggiunge, come novità di quest’anno, il noleggio dei pallet verdi CPR, un sistema estremamente competitivo per i soci, partito dal mese di aprile 2009. 
 
Tornando ai dati del bilancio appena chiuso, il capitale sociale della cooperativa raggiunge, nel 2008, 8,62 milioni di euro e il patrimonio netto supera i 18 milioni di euro. I ristorni per i Soci sono pari a 3,8 milioni di euro.
Cifre record, specchio della buona salute economico-finanziaria dell’azienda che guarda al futuro con importanti novità come annuncia Renzo Piraccini, il presidente: "All’ortofrutta – dichiara Piraccini - che ha rappresentato il trampolino di lancio della Società, si aggiungerà nel 2009 anche il settore delle carni con un enorme potenziale di sviluppo in termini di movimentazioni, oltre a notevoli risparmi per il consumatore e per l’ambiente.
Si amplierà la gamma degli imballaggi a disposizione con nuove tipologie a diverse altezze per soddisfare le esigenze del mercato e dei nostri soci.
Per quanto riguarda infine la base sociale nel 2009 sono entrati in CPR System, come soci finanziatori, i fondi di promozione cooperativa Coopfond e Generalfond per 3 milioni di euro e la Cassa di Risparmio di Cento, per 1 milione di euro. Questi importi, sommati all’aumento di capitale sottoscritto dai soci porteranno il patrimonio netto della cooperativa a 24 milioni di euro“.
 
“Il progetto di CPR System - afferma Gianni Bonora, amministratore delegato di CPR Servizi - si rivela vincente sia sul piano economico che in chiave ambientale. Uno studio realizzato dall’equipe del professor Carlo Pirazzoli del Dipartimento di Economia dell’Università di Bologna, dimostra quanto importanti siano i risparmi, sia in chiave ambientale che economica – continua Gianni Bonora - a carico rispettivamente dei soci di CPR, dei consumatori e dell’ente pubblico, misurati dal confronto del circuito gestito da CPR con il tradizionale utilizzo degli imballaggi a perdere".
 

Fonte: CPR System

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.852 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner