14° Convegno Aissa

L'evento si terrà il 16 e 17 febbraio prossimi a Campobasso al dipartimento Agricoltura, ambiente e alimenti dell’Università degli Studi del Molise

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

aissa-14-convegno-20170216.jpg

Campobasso, 16-17 febbraio 2017

Appuntamento il 16 e 17 febbraio prossimi con il 14° Convegno Aissa che l'Associazione italiana società scientifiche agrarie organizza a Campobasso al dipartimento Agricoltura, ambiente e alimenti dell’Università degli Studi del Molise.

Durante l’evento, le società scientifiche che aderiscono all’Aissa, anche con l'illustrazione di esempi virtuosi, presenteranno e discuteranno le proposte e le azioni che sono state e potranno essere attuate per contribuire allo sviluppo delle aree interne. Durante l’evento saranno anche premiate le tesi di dottorato che saranno ritenute più rilevanti per il contributo che potranno fornire alla tematica del convegno.

Per preservare il territorio e il suo patrimonio e invertire il trend di spopolamento, le politiche locali, nazionali ed europee pongono sempre più attenzione al rilancio e alla valorizzazione delle aree interne.
E’ ormai convincimento comune che lo spopolamento e l’abbandono dei territori marginali non potranno essere efficacemente contrastati senza idonei interventi mirati alla valorizzazione del patrimonio ambientale, forestale e agroalimentare, con particolare attenzione alle numerose produzioni tipiche più strettamente legate al territorio e alla biodiversità nel suo complesso. Diventa pertanto sempre più determinante l’apporto della ricerca e della sperimentazione nell’ambito delle Scienze agrarie, alimentari, forestali e ambientali.

Sull’argomento la ricerca ha già fornito e continua a fornire il proprio supporto con risultati interessanti e  positive ricadute su alcuni territori. Tuttavia, considerando l’importanza della tematica, è necessario intensificare e rendere più efficaci gli sforzi tentando di mettere in rete e implementare le esperienze dei ricercatori.

Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.893 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner