Sardegna verso l'Organismo interprofessionale del latte ovino

L'assessore regionale all'Agricoltura Elisabetta Falchi ritiene decisivo l'incontro avvenuto il 21 marzo ad Oristano: in arrivo aiuti per lo stoccaggio dei formaggi e per la promozione all'estero dei formaggi sardi Dop

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pecorino-romano-formaggio-fonte-consorzio-di-tutela.jpg

Al tavolo della filiera ovina, il Consorzio di tutela del Pecorino Romano Dop ha presentato il piano di regolamentazione dell'offerta approvato dal Mipaaf
Fonte foto: © Consorzio per la tutela del formaggio Pecorino Romano

Lo scorso 21 marzo ad Oristano è stato compiuto “Un passo ulteriore verso la costituzione del tavolo interprofessionale del latte ovino”. Ad affermarlo una nota stampa della Regione Sardegna, dove si sarebbe ad un passo dalla costituzione dell’Organismo interprofessionale.

L’incontro era stato convocato dall’assessore regionale all’Agricoltura Elisabetta Falchi ed aveva conosciuto la defezione di Coldiretti Sardegna, che aveva protestato per le voci che si erano diffuse sui prezzi del pecorino, in contrasto con quelli rilevati da Ismea. Ma l'incontro di Oristano è stato un momento di “confronto vivo ma positivo tra i protagonisti della filiera della produzione e trasformazione (Op, cooperative, industriali e associazioni di categoria) che - ha dichiarato l’assessore - nei prossimi giorni, porterà alla definizione dello statuto”.

Inoltre la Falchi ha annunciato l’arrivo di “strumenti finanziari che permettano di affrontare le problematiche legate all’eccezionale produzione di latte dell’annata in corso, che ha colto di sorpresa produttori e trasformatori e rischia di avere effetti negativi sul corso dei prezzi dei formaggi e del latte ovino: ne parleremo presto in Giunta”.

La sede naturale per gestire il mercato
“Già dall’ottobre del 2014 la Regione ha svolto un ruolo di accompagnamento nell’iter per la nascita di un tavolo di confronto tra i protagonisti della filiera del latte ovino”, ha ricordato la Falchi. La mancanza di un organo di governo del comparto ovino è la causa principale delle periodiche situazioni di difficoltà, e la titolare dell’agricoltura ha richiesto un impegno esplicito ai partecipanti all’incontro verso la definizione dell’Interprofessione ovina.

Il lavoro di mediazione della Regione starebbe dando frutti: “Tutti gli attori del comparto sono convinti che l’Interprofessione sia lo strumento corretto e fondamentale per governare il sistema del latte e gestire il mercato, soprattutto in un momento di turbolenza come quello attuale: altre Regioni si sono attrezzate, o lo stanno facendo, esattamente in questa direzione” ha affermato l’esponente della Giunta sarda.

La situazione di potenziale difficoltà legata alla sovrapproduzione e alle oscillazioni pericolose del prezzo del latte, “è una spinta per portare a conclusione in tempi rapidi questo percorso e dotare il comparto lattiero-caseario della sede naturale e corretta in cui elaborare politiche di produzione e programmazione commerciale”.

Il Piano di regolazione dell’offerta del Pecorino romano Dop
Durante il tavolo di Oristanosi è anche discusso degli strumenti operativi a disposizione dell’Interprofessione: uno dei più importanti è il Piano di regolazione dell’offerta del Pecorino romano Dop, presentato dal Consorzio di tutela ed approvato lo scorso 9 marzo dal Mipaaf.
“Grazie alle pressioni sul ministero, siamo arrivati a un via libera in tempi rapidi" ha continuato la Falchi. "È una base di partenza importante, che andrà rivista e perfezionata con la discussione e l’intervento di tutti i portatori di interesse”.

Gli strumenti finanziari per le aziende
Inoltre, nel suo intervento davanti ai rappresentanti del comparto, Elisabetta Falchi ha illustrato il lavoro dell’assessorato sugli strumenti finanziari “da mettere a disposizione delle aziende e che verranno presentati entro breve all’attenzione della giunta”. Gli interventi in discussione con i Consorzi di tutela dei formaggi ovini e allo studio con Sfirs e Consorzi fidi riguardano soprattutto “l’attivazione di fondi di garanzia che consentano alle imprese di trasformazione di far fronte alla maggiore esposizione necessaria per pagare il latte agli allevatori e sostenere i costi per tempi più lunghi di stoccaggio del prodotto.
“Sono in corso - ha continuato l’assessore - gli opportuni approfondimenti normativi per verificare la compatibilità di queste misure col quadro regolamentare per gli aiuti di Stato”.

I bandi per l’internazionalizzazione
La Falchi ha ricordato anche la delibera adottata pochi giorni fa dall’esecutivo, con la quale sono state approvate le modifiche al regime di aiuti a favore dell’internazionalizzazione delle produzioni lattiero-casearie ovine di qualità richieste dalla Commissione europea.
“Non appena avremo il via libera da Bruxelles, con la massima sollecitudine, presenteremo il bando in modo da renderlo pienamente operativo per i Consorzi di tutela che potranno così attuare azioni promozionali utilissime per conquistare nuovi mercati e consolidare quelli esistenti” ha concluso l'assessore.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.669 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner