Specie aliene invasive, un problema globale

Gli esperti: "Sono in crescita ovunque, con impatti su salute e biodiversità". Il punto nell'incontro organizzato dalla Fondazione Edmund Mach nell'ambito del Festival dell'economia

festival-economia-mag-2019-andrea-segre-fonte-fondazione-edmund-mach.jpg

Andrea Segrè nel corso del suo intervento al Festival dell'economia

Specie trasportate dall'uomo intenzionalmente o accidentalmente al di fuori dei loro areali naturali.
Queste le protagoniste dell'incontro organizzato dalla Fondazione Edmund Mach con i massimi esperti a livello internazionale lo scorso 31 maggio nell'ambito del 14esimo Festival dell'economia.

Specie non autoctone che, grazie alle attuali dinamiche globali, si muovono liberamente oltre i confini nazionali, alterando le componenti ecologiche dei sistemi agro-ambientali, causando problemi sia nei settori produttivi sia in un'ottica paesaggistica. E la Fem, primo centro One health in Italia, ha voluto proporre una sessione dove affrontate le ricadute nella società della presenza di queste specie invasive.

Moderato dal presidente Fem, Andrea Segrè, l'incontro ha visto l'intervento di Piero Genovesi, responsabile del Servizio coordinamento fauna selvatica di Ispra e chair dell'Iucn Invasive species specialist group, Nikolaos Stilianakis, ricercatore presso il Joint research centre della Commissione europea e professore alla Erlangen-Nurnberg medical school (Germania), Annapaola Rizzoli, dirigente Centro ricerca e innovazione ed il ricercatore Fem Alessandro Gretter.

"'Alieni senza confini' è il nostro contributo al Festival dell'economia" ha spiegato in apertura Andrea Segrè. "Siamo presenti anche quest'anno al Festival perché la Fem è un ente di ricerca che vuole restituire al territorio gli studi che sta facendo, anche in chiave di sensibilizzazione. L'introduzione di specie aliene è legata alla globalizzazione ed ha un forte impatto sulla perdita di biodiversità, vegetale e animale, ma anche economico, ambientale e sanitario. Oltre a 'curare', Fem cerca di fare prevenzione. Dunque è importante sensibilizzare l'opinione pubblica".

Le specie aliene sono in crescita esponenziale in tutti i gruppi tassonomici, in tutti gli ambienti e in ogni regione del mondo, causando crescenti impatti alla biodiversità e al nostro benessere. "I dati scientifici raccolti negli ultimi decenni - ha rilevato Piero Genovesi - dimostrano che le invasioni biologiche sono tra i principali fattori di perdita di biodiversità e rappresentano la prima causa di estinzione di specie animali al mondo. Inoltre le specie aliene invasive hanno effetti drammatici sulla la vita di molte comunità, soprattutto nelle aree più vulnerabili del mondo, con impatti anche sulla salute delle persone determinando costi di centinaia di miliardi di euro".

Esploso negli ultimi due secoli, questo fenomeno è legato alla globalizzazione delle economie e al conseguente aumento dei trasporti, del commercio e del turismo. E' necessario adottare stringenti politiche di biosicurezza e promuovere comportamenti più responsabili da parte dei diversi settori della società.

"I processi dei cambiamenti ambientali globali hanno forti impatti sulla salute dell'uomo" ha evidenziato Nikolaos Stilianakis. "Molte malattie infettive sono altamente sensibili alle condizioni ambientali. Le malattie infettive coinvolgono l'uomo in un 'ecosistema' costituito da un ospite, da un agente patogeno, da fattori ambientali e da alcuni vettori di sistemi e di specie di riserva non umana".

Annapaola Rizzoli, nel suo intervento, ha spiegato che la Fem, membro del Consorzio scientifico internazionale ZikAlliance, è in prima linea nello studio soprattutto delle zanzare vettrici di patogeni. Ha presentato anche l'Unità di ricerca mista appena costituita con Fbk denominata Epilab che studia le malattie trasmissibili che, per quanto riguarda le malattie da vettore, avrà il compito di quantificare sia il rischio sanitario associato alla presenza di zanzare vettrici di patogeni, sia l'eventuale diffusione degli stessi mediante modelli matematici e statistici.

Nello specifico, le zanzare studiate sono la zanzara comune (Culex pipiens), le zanzare invasive (Aedes albopictus e Aedes koreicus) e le zanzare potenziali vettrici di malaria (Anopheles spp.). Lo studio a San Michele riguarda l'ecologia della specie e le relative arbovirosi con valutazione del rischio per creare modelli previsionali e mappe di rischio, sostenendo gli enti e le autorità provinciali nell'elaborare linee guida e strategie di controllo e prevenzione.

La Fondazione, inoltre, è stata individuata come referente principale (in collaborazione con Fbk, Azienda provinciale per i servizi sanitari, Fondazione Museo civico di Rovereto, Muse) per lo sviluppo delle linee guida provinciali per il controllo e il monitoraggio della zanzara tigre nella Provincia autonoma di Trento.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.862 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner