L'estate calda di Pöttinger

Luglio e agosto ricchi di novità per la casa costruttrice che annuncia la nuova linea di coltivatori Terria, il ranghinatore TOP 1403 C con tecnologia ibrida e le falciatrici combinate Novadisc 732, 812, 902

poettinger-novita-estate-2020001.jpeg

Da sinistra il ranghinatore Top, Terria e Novadisc
Fonte foto: Agronotizie

Si chiama Terria la nuova linea di coltivatori trainati Pöttinger (modelli 4030, 5030, 6030 e 4040, 5040, 6040), disponibile da novembre 2020, che ha larghezze di lavoro da 4 a 6 metri e può lavorare su 3 o 4 file.

Ideale tanto nella lavorazione poco profonda del terreno con stoppie quanto per lavorazioni profonde (permette lavorazioni da 5 a 35 centimetri), ha elementi disposti simmetricamente lungo la linea di trascinamento per garantire penetrazione, stabilità e miscelazione ottimali anche in condizioni difficili.
L'altezza del telaio è stata studiata per assicurare un flusso di terreno costante anche in presenza di grandi quantità di residui colturali. Ulteriormente implementata la soluzione Nonstop che interviene in caso di ostacoli durante il lavoro, inoltre all'elemento meccanico Nova è stata affiancata la versione regolabile idraulicamente.
 
Terria 6040
Pöttinger Terria 6040

Due le modalità di lavoro possibili, "flat" o "steep" e per garantire un raggio di sterzata il più stretto possibile le ruote sono state integrate così da ridurre la lunghezza totale, a seconda della larghezza di lavoro le ruote saranno 2 o 4.
Il controllo della profondità di lavoro è idraulico di serie e un cilindro idraulico sulla barra di traino mantiene con precisione la traiettoria, oltre a migliorare la trazione trasferendo il peso sull'asse posteriore del trattore. Ampia la gamma di rulli posteriori disponibili.
 

Tecnologia ibrida per Top 1403 C

Il nuovo ranghinatore a 4 giranti e larghezza di lavoro regolabile da 9 a 14 metri Top 1403 C - come suo fratello minore Top 1252 C - è dotato di tecnologia di azionamento ibrida.
 
Pottinger Top 1403 C ibrido

Infatti, l'azionamento dei giranti anteriori è idraulico, quello dei giranti posteriori è meccanico. Anche la compensazione dei giranti in base alla larghezza di lavoro avviene secondo lo stesso principio: quella dei due anteriori avviene idraulicamente e quella del posteriori meccanicamente.

Nella versione Top 1403 C, la nuova  regolazione automatica della sovrapposizione dei giranti è di serie. Durante la curva il girante anteriore interno rientra automaticamente in funzione dell'angolo di sterzata e della larghezza dell'andana, riposizionandosi alla fine della curva. Questo sistema, che visualizza il grado di sovrapposizione sul terminale di comando e non richiede un sensore dell'angolo di sterzata sul trattore, garantisce la sovrapposizione con il girante posteriore e lo sfruttamento appieno della massima larghezza di lavoro.
Di serie anche il carrello  a 5 ruote per il massimo adattamento al terreno, aiutato dalla ruota tastatrice Multitast che guida i denti seguendo le irregolarità del suolo.
 

Novadisc, le nuove combinate 732, 812, 902

Tecnologiche, stabili, longeve e dal nuovo accattivante design, le falciatrici combinate Novadisc 732, 812 e 902 sono disponibili con larghezze di lavoro di 7.24, 8.09 e 8.92 metri e, grazie alla loro leggerezza, sono utilizzabili con trattori a partire da 85 cavalli.
Se combinate con una falciatrice frontale da 3 metri offrono un grado notevole di sovrapposizione che arriva a 52 centimetri per ciascun lato permettendo di falciare con accuratezza anche sui pendii e in curva.
 
Pottinger Novadisc
 
Con due robuste molle di compensazione per ciascuna barra falciante, le combinate Novadisc regolano la pressione sul terreno senza bisogno di utensili e, grazie ad una cinematica unica nel suo genere, la barra poggia in modo uniforme per tutta la sua larghezza.
Ampio lo spazio di oscillazione che da va +22 a -30 gradi ideale su terreni irregolari e pendii. Il sistema di sollevamento della cerniera di bloccaggio consente anche lavorazioni per brevi periodi su pendenze fino a 45 gradi.

La  sospensione bilaterale interviene per proteggere dalle torsioni mentre, in caso di ostacoli, un dispositivo meccanico di sicurezza da entrambi i lati - che si disattiva automaticamente facendo retromarcia - consente uno spostamento all'indietro di circa 12 gradi.

Per accedere alla barra falciante il ribaltamento delle protezioni esterne è idraulico. Anche gli alberi cardanici sono facilmente accessibili e ora hanno un intervallo di lubrificazione di 150 ore. La larghezza di trasporto è per tutti i modelli di 2,85 metri. Nuova l'illuminazione Led di serie. Il parcheggio della falciatrice, infine, può avvenire su piedini di appoggio opzionali che ne riducono l'ingombro.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.554 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner