Uniti per un ambiente migliore

Uncai e l'Università degli studi di Milano avviano un programma di valutazione di impatto ambientale con metodo LCA

Contenuto promosso da Uncai - Unione Nazionale Contoterzisti Agromeccanici e Industriali, Università degli Studi di Milano :: Facoltà di Agraria
Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

uncai-contoterzisti-ambiente-jpg.jpg

In corso una ricerca per misurare l'impronta ecologica, idrica e di carbonio dei mezzi agricoli
Fonte foto: Uncai

Il dipartimento di Scienze agrarie ed ambientali dell'Università degli studi di Milano ha proposto ad Uncai, Unione nazionale contoterzisti agromeccanici industriali, di valutare attraverso il metodo LCA (Life Cycle Assessment - analisi del ciclo di vita) i vantaggi ricavati in termini di impatto ambientale dalle lavorazioni agricole svolte dalle imprese agromeccaniche.


Obiettivo comune: tutela ambientale

La ricerca intende valutare l'impatto ambientale delle principali operazioni di pieno campo condotte nelle realtà cerealicolo-zootecniche della Pianura Padana, mettendo a confronto due soluzioni di meccanizzazione: quella svolta con trattori e attrezzature normalmente presenti nel parco macchine di un'azienda agricola e quella integralmente assicurata tramite i servizi di imprese contoterzi.

La procedura LCA permette di calcolare l'impronta idrica, ecologica e di carbonio rilasciate da un'attività e da un prodotto durante tutto il ciclo vita, dall'estrazione delle materie prime utilizzate per fabbricare il mezzo agricolo fino allo smaltimento finale.

"Contrariamente a quanto si creda, il ricorso ad aziende agromeccaniche comporta un beneficio per l'ambiente e tutt'oggi tale aspetto è purtroppo quasi sempre ignorato sia dagli operatori del settore sia dai decisori pubblici" ha illustrato Domenico Pessina, professore ordinario di Meccanica agraria e meccanizzazione agricola presso l'ateneo milanese. 

L'impiego di macchine agricole equipaggiate con i più recenti dispositivi per il contenimento delle emissioni consente di ridurre fino a cento volte l'impatto relativo all'emissione di inquinanti. Inoltre l'accoppiamento ottimale trattori-operatrici permette di diminuire i consumi di gasolio ad ettaro.

La collaborazione tra Uncai e l'Università milanese punta a quantificare il beneficio apportato dall'attività agromeccanica e a valorizzare l'immagine delle imprese contoterzi con il proposito finale di richiedere la revisione di alcuni meccanismi di incentivazione nei quali, al momento, le imprese di contoterzisti non rientrano.

"L'attività degli agromeccanici è caratterizzata da maggiori professionalità e tempestività e dall'impiego di trattrici e attrezzature più moderne, che si traduce in un minore impatto ambientale e in un'elevata sostenibilità delle produzioni agricole" ha aggiunto Aproniano Tassinari, presidente di Uncai.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.697 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner