New Holland T7, T8 e T9: segmento al top

Upgrade, implementazioni di gamma ma soprattutto nuove motorizzazioni HI-eSCR. I tre cavalli di battaglia della gamma medio alta New Holland corrono inarrestabili verso il traguardo dell'eccellenza in termini di comfort e prestazioni

Michela Lugli di Michela Lugli

Contenuto promosso da CNH Industrial Italia :: New Holland, FPT Industrial
Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di CNH Industrial Italia :: New Holland.

nuovo-t7225.jpg

Nuovo T7.225 New Holland
Fonte foto: Agronotizie

Unita dal denominatore comune della tecnologia HI-eSCR, la gamma di potenza medio alta New Holland T7, T8 e T9 raggiunge il traguardo dei requisiti Stage IV/Tier 4 Final della normativa europea, presentando, inoltre, alcuni importanti upgrade e implementazioni con nuovi modelli.

T7, arriva la terza generazione
 
Serie T7 di terza generazione - 2015

Anticipando il design che caratterizzerà l'intera proposta New Holland, la nuova versione della Serie T7, vista in anteprima al Sima 2015, si articola in otto modelli di cui la metà a passo corto e altrettanti a passo lungo.
Nuovo tra le versioni a passo standard, il T7.225 con potenza nominale del motore di 180 cavalli aumentabili con Epm a 225. Disponibile anche in versione Auto Command con livrea Blue Power metallizzata blu-argento, vanta diversi equipaggiamenti di serie.
 

Al nuovo design del cofano con i tipici gruppi ottici a occhio di gatto che segue l'impronta della serie T8, si associa la nuova cabina con tetto dal profilo ad ali di gabbiano, caratterizzata da maggiore comfort e dal nuovo pacchetto luci LED da lavoro - fino a 16 - intEgrate nel tetto e regolabili.
 
T7.225 al Sima 2015

La cabina Horizon della terza generazione di trattori Serie T7 dispone di nuovo parabrezza monolitico, parafanghi anteriori allungati e, per quando il caldo estivo cede il passo al freddo inverno, parabrezza e lunotto riscaldati.
 

 
Tre le opzioni per il sedileComfort, Dynamic Comfort e Auto Comfort. 
Nel primo e nel secondo caso il sistema di sospensione è a bassa frequenza, ma nella versione Dynamic Comfort sono presenti la regolazione automatica del molleggio, il supporto lombare pneumatico e un riscaldatore a due stadi; per entrambi lo schienale è girevole.
La versione attiva Auto Comfort, con climatizzatore incorporato, riduce significativamente le vibrazioni e dispone di ventole aspiranti interne per ridurre l'umidità superficiale.

HI-eSCR, tecnologia d'avanguardia 
L'introduzione per la motorizzazione 6 cilindri della tecnologia ECOBlue HI-eSCR, oltre a elevare i requisiti in termini di emissioni allo step Tier 4 Final, ha generato un aumento della potenza disponibile. 
 

 
La serie, caratterizzata da un rapporto peso-potenza ottimizzato su tutti i modelli e pari a 25,8 chilogrammi per cavallo, parte dai 140 cavalli del T7.175 per arrivare, nei modelli a passo corto, ai 180 cavalli aumentabili a 225 con sistema Epm del nuovo T7.225. Il tutto si traduce in una crescita di potenze rispetto ai modelli precedenti di 9 punti percentuali.

Nei modelli a passo lungo, il top di gamma T7.270 raggiunge i 270 cavalli di potenza, superando del 5 per cento la precedente versione
Disponibili ora anche per le versioni a passo standard, pneumatici 710/70R38 normalmente montati su quelle a passo lungo.

Il motore made in Fpt Industrial non ricorre all'impiego di sistemi Egr consentendo al sistema di post-trattamento HI-eSCR ad alta efficienza di non sacrificare l'efficienza della combustione per ridurre le emissioni.
 

Per raggiungere i limiti imposti dalla Fase Tier 4 Final della normativa europea, infatti, si può agire mediante riduzione catalitica selettiva o Scr con o senza Egr
Da una lato la presenza del sistema Egr riduce le emissioni di NOx lavorando nella camera di combustione attraverso il ricircolo dei gas di scarico, ma dall’altro genera un aumento delle emissioni di particolato PM, richiedendo la rigenerazione forzata del filtro Dpf con conseguente riduzione dell’efficienza del processo di combustione del motore.
 
Prima porzione del sistema di riduzione dei gas. A destra il filtro Doc
 
Il sistema messo a punto da Fpt Industrial è dotato di una rete di sensori intEgrati che controllano le emissioni di NOx e gli eventuali eccessi di ammoniaca - NH3.
Il flusso dei gas di scarico proveniente dal motore entra nel filtro dove NO si ossida in NO2, favorendo la riduzione del particolato nel filtro che si rigenera automaticamente a temperature inferiori rispetto al filtro Dpf attivo.
Una centralina elettronica - Ecu, “cervello” del sistema HI-eSCR, servendosi di una rete di sensori intEgrati controlla la quantità di soluzione acqua-urea, AdBlue, da iniettare nel tubo di scarico.
 

Un catalizzatore, sfruttando la reazione chimica con la soluzione di acqua-urea, converte l’ossido di azoto NOx in azoto N2 e acqua H2O. Al termine del processo, il Cuc integrato che rappresenta l'aggiunta al sistema, elimina l’ammoniaca rimasta e l'NO2 aiutando a scomporli in azoto molecolare, acqua e anidride carbonica con l'effetto di una riduzione dell'NOx superiore al 95 per cento.

Dispositivi per la massima sicurezza 
A partire dal modello T7.230, le dotazioni di sicurezza prevedono una nuova tecnologia di frenatura con Abs e l'Abs SuperSteer per eseguire svolte strette sul campo, frenando automaticamente la ruota posteriore interna quando si gira il volante. Sono estesi a tutti i modelli della serie gli optional della presa Abs per il rimorchio e il freno motore
 
T7.2670 AutoCommand

Lavorano all'aumento di produttività i nuovi automatismi, tra cui il sistema di controllo della svolta a fondo campo di seconda generazione HTS II gestito dal monitor touchscreen IntelliView IV.
Il sistema HTS II consente di creare complesse sequenze di svolta a fondo campo, registrandole "dal vivo" oppure creandole selezionando le operazioni e i punti di attivazione dal menu.

I nuovi T7 di terza generazione dispongono di architettura Isobus di classe III che consente, tra l'altro, a un attrezzo compatibile, per esempio una BigBaler di New Holland, di controllare il trattore, compresa la sua velocità.

Ulteriori funzioni aggiuntive riguardano la regolazione del punto di innesto della frizione dell'inversore elettroidraulico e un nuovo sistema di gestione dei distributori ausiliari che consente di assegnarne due all'interruttore posto sulla leva multifunzione CommandGrip.

I modelli a passo lungo, infine, montano un nuovo sollevatore anteriore integrato con una Pdp più performante, mentre quelli a passo standard dispongono come opzione di un caricatore frontale con un telaio più largo per migliorare la visibilità e la stabilità.

Serie T8, sempre più potente
Le novità per il trattore convenzionale più potente del suo segmento riguardano in primis il motore Cursor 9, gioiello di Fpt Industrial da 8,7 litri di cilindrata, portato ora allo Stage IV/Tier 4 Final grazie alla tecnolgia ECOBlue HI-eSCR. Diversi i miglioramenti in termini di potenza e reattività rispetto ai precedenti modelli Tier 3, pur a fronte di consumi e costi di esercizio invariati. 
 
Top di gamma T8.435 

Oltre ad aver raggiunto un nuovo step di emissioni, i motori della Serie T8 sono ora anche più potenti su tutti e cinque i modelli disponibili, grazie anche alla potenza supplementare, fino a 71 cavalli, messa a disposizione dal sistema Epm-Engine power management.
 

La trasmissione, anche full powershift, può essere Auto Command a variazione continua con quattro punti di trasmissione del moto meccanica abbinati a quattro modalità operative automatizzate.

La nuova serie T8, che per prima ha fatto conoscere al pubblico il family look di ultima generazione New Holland, si avvantaggia di migliorie pensate per aumentare il comfort dell'operatore. Oltre ai nuovi interni in cabina è stata aumentata l'ergonomia dei comandi e la nuova leva multifunzione MFH con tasti più sensibili e retroilluminati che, sui modelli Ultra Command, dispone di una rotella zigrinata per la regolazione della velocità.
E' ora di serie per l'intera gamma il monitor Intelliview IV e anche in questo caso sono stati aggiunti due nuovi pacchetti di luci a Led.
 
T8.435 SmartTrax

Grande novità nel pianeta T8 è la versione SmartTrax, presentata all'ultimo Sima nel modello T8.435 e disponibile sul mercato a fine 2015, dopo i test primaverili sulla versione in configurazione europea.

T9, il grande di casa guadagna l'HI-eSCR
Sviluppato con telaio standard per i mercato europei, questo potente trattore articolato dispone, sui modelli top, di telaio heavy duty ideale per le colture cerealicole e per le grandi estensioni. 
L'aggiornamento con la "A" maiuscola è, anche in questo caso, da cercare nel motore ora portato alla Fase Tier 4 Final sempre ricorrendo alla tecnologia HI-eSCR New Holland, aggiornamento del precedente sistema ECOBlue SCR Tier 4A.

Ma non solo. La gamma è stata implementata con il nuovo modello T9.645 con potenza nominale di 628 cavalli che, con il boost dell'Epm, arrivano a 647.
 

 
Importanti aggiornamenti volti ad aumentare il comfort di utilizzo, con le stesse caratteristiche della serie T8, riguardano la leva multifunzione CommandGrip. Inoltre, seguendo le richieste dei clienti, è stato aggiunto un pannello di controllo a levette per i distributori ausiliari.
 
Nuovo T9.565 

Aggiornato il rapporto trasmissione-Pdp che ora raggiunge i 1000 giri al minuto a 1800 giri motore e non più con 2000 giri motore come la precedente versione. Ciò comporta minori vibrazioni, ridotti consumi e maggiore silenziosità in cabina.
 
T9.565 al lavoro

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: macchine agricole trattori motori sima

Temi caldi: Sima 2015