No, non si va a far castagne

Con l'arrivo dell'autunno c'è la consuetudine di andare per boschi a raccogliere le castagne, una consuetudine che non è corretta e che può arrecare danni a chi con le castagne ci lavora e deve farci reddito

Matteo Giusti di Matteo Giusti

castagne-bosco-castagneto-by-felipe-ramos-wikipedia-jpg.jpg

Castagne in terra in un castagneto
Fonte foto: Felipe Ramos - Wikipedia

È tempo di castagne e spesso c'è l'usanza di andare a fare una passeggiata, magari in una bella domenica di sole, e raccoglierne un po' per farsele bollite o arrosto.

Ma è una cosa, anche se fatta in completa buona fede, che non va bene. Perché le castagne non sono un prodotto spontaneo della terra, sono un prodotto agricolo, agroforestale, e nella maggior parte dei casi appartengono a qualcuno, magari ad una azienda agricola che anche con quelle castagne deve fare reddito.

Qualcuno potrà obbiettare che ci sono anche castagneti pubblici o abbandonati e che non è facile sapere di chi è un bosco o una selva. È vero, ma è altrettanto vero che ognuno sa con sicurezza se quel bosco è suo o no, e se non è suo non sono sue nemmeno le castagne.

Se poi è un castagneto pubblico o uno dove i proprietari non sono interessati a raccogliere le castagne, questo dovrebbe esser cura di chi vuol prenderle accertarsene.

Anche il fatto che spesso i boschi e le selve non siano recintati, non vuol dire niente. In un fondo agricolo o forestale aperto - cioè non chiuso, recintato - si può entrare liberamente (se non si fanno danni), ma non si possono raccogliere i prodotti.

Chiunque può fare una passeggiata in un vigneto, ma non può cogliere l'uva, se l'uva non è sua o non ha il permesso del proprietario.

Lo stesso vale per la presenza o meno di cartelli che indichino una proprietà privata o un divieto di raccolta: nessuno ha bisogno di un cartello scritto per sapere che non può cogliere le ciliege o i pomodori in un campo che non è suo.

Anche il fatto che se ne raccolga poche non è un argomento valido per prendere qualcosa che non ci appartiene.

Allora non si può andare a far castagne? , ma solo se si è sicuri di poterlo fare o, ancora meglio, se si ha il permesso dei proprietari.

Non si sta parlando in termini legali (tecnicamente raccogliere frutta non propria è furto), probabilmente nessuno denuncerà nessuno per un sacchetto di castagne.

È solo una questione di buona educazione e di rispetto della proprietà e, soprattutto, del lavoro degli altri.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: castanicoltura foreste e boschi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 268.621 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner